Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

8 ottobre 2011 6 08 /10 /ottobre /2011 11:37

<<O’Scià - nessun uomo è un'isola, ogni respiro è un uomo.>>

Anche per quest’anno si è ripetuto il festival musicale, artistico e culturale organizzato da Claudio Baglioni nella bellissima isola di Lampedusa, O’Scià, una manifestazione che ogni volta rischia di non esserci a causa dei soliti problemi economici e logistici e in particolare quest’anno per la serie di sbarchi e di eventi poco piacevoli accaduti nell’isola pochi giorni prima della manifestazione.

La parola O'scià (pronunciata dai lampedusani come o’cià) nel dialetto lampedusano significa "fiato mio", "o mio respiro", un vezzeggiativo che evoca dolcezza, e nello stesso tempo speranza e usato da tutti i lampedusani come saluto affettuoso tra amici e persone cui si vuole bene. 

 

Claudio Baglioni ha fatto suo questo termine e l’ha trasformato nell’acronimo di Odori, Suoni, Colori, Isole d'Altomare e dal 2003 ha realizzato, assieme all'amministrazione comunale di Lampedusa e successivamente alla Fondazione O'scià, un evento musicale che ogni anno vede presenti molte stelle della musica italiana e internazionale e tantissimi artisti di grande fama che si alternano sull’enorme palco allestito nella spiaggia della Guitgia e accessibile a tutti.

locandina-oscià-2011-715x1024

O'scià non è solo musica, arte e teatro, infatti, come ha detto Claudio Baglioni, questa manifestazione è:

 

<< un respiro per i diritti umani, una speranza per chi sta per arrivare. O' Scià, come un saluto, un fiato dentro il fiato per un dono, per un progetto, per la libertà, fiato dentro il fiato attraverso parole e musica. >>

 

Lampedusa, splendida isola delle Pelagie, al centro del mediterraneo è ricordata da molti per gli innumerevoli sbarchi dei clandestini, e concordo con quanto scritto da Baglioni:

 

<<Partendo da quella frase bella che"nessun uomo è un'isola" e che "ogni respiro è un uomo", io vorrei tanto che le Pelagie diventassero le isole di tutti, le isole dell'incontro.

Vorrei che questo simbolo diventasse gonfio di positività e gonfio anche di progetto, proprio d'architettura della vita.

E allora O' Scià può diventare veramente unione di respiri, di fiati, affinché il mondo abbia un vento nuovo, insomma affinché il vento sia positivo.>>

 

L’ ufficialità dell’evento e delle date si è avuta con largo ritardo, visti anche i problemi con i voli aerei per i collegamenti tra le principali città italiane e l‘isola, ma alla fine tutto è andato per il meglio e con grande sorpresa la manifestazione si è ripetuta come lo scorso anno con ben cinque serate.

L’attesa per conoscere gli ospiti è stata ancora più lunga, fino a poche settimane prima dell’evento si avevano solo delle supposizioni, tutte di alto livello, ma non confermate, ma in questi casi l’importante è esserci, essere presenti sull’isola per assistere a qualcosa di unico ed eccezionale, come d’altronde si è rivelato, con oltre cinquanta artisti presenti.

Prenoto il biglietto con un giorno di anticipo rispetto alla manifestazione con l’intenzione di approfittare del bel tempo lampedusano (e già, in quel periodo sembra che a Lampedusa l’estate non voglia lasciare il posto all’autunno) per rilassarmi sulle limpide acque dell’isola dei Conigli e per riprendere l’abbronzatura persa.

Lasciata la Sicilia con un tempaccio grigio e buio, sono arrivato con l’aereo sull’isola con uno dei tramonti più belli che si possono ammirare e una ventata di aria calda mi ha strappato un sorriso e un senso di rilassatezza e di energia vitale persa da un’estate alquanto piatta.

Giusto il tempo di posare il trolley e prendere il motorino e sono subito nella movida lampedusana, fatta di piccole ma semplici cose, quasi ripetitive, gli stessi locali, gli stessi negozietti, visi che rivedo con piacere ogni estate, gente del posto con la faccia bruciata dal sole, con lo sguardo vivo, con la speranza che O’Scià per loro possa durare tutto l’inverno triste e noioso, ma con la consapevolezza che tra pochi giorni tutti andranno via, lasciandoli soli per un bel po’.

oscia 2001 044oscia 2001 102

Ognuna delle cinque serate è stata ricca di emozioni, d’incontri, di risate e di belle parole che lasciano a tutti la speranza di un futuro migliore per tutti, lampedusani e non, con artisti sempre pronti a strappare un sorriso, a emozionare con le loro canzoni.

Lampedusa è anche conosciuta per i suoi paesaggi aridi, rustici, fatti da coste frastagliate, calette meravigliose e piccoli dammusi che si possono ammirare lungo il percorso che porta dal paese all’Isola dei Conigli e apprezzare per la loro semplicità.

oscia 2001 493oscia 2001 495

L’isola dei conigli, è a meno di dieci minuti di motorino dal centro abitato e la spiaggia è raggiungibile a piedi e caratterizzata da una sabbia finissima e con aree delimitate per la presenza delle uova depositate dalla caretta caretta e protette dai volontari della Lega Ambiente che vigilano la riserva affinché tutto possa rimanere pulito e intatto. 

Descrivere il colore dell’acqua è un’impresa impossibile, sfumature impressionanti di azzurro e celeste (le foto forse riescono a rendere una giustizia parziale alla bellezza del mare dell’isola, ma bisogna costatare con i propri occhi), acqua frizzantina, ma piacevolissima e tanti pesci che nuotano al tuo fianco, sicuri del tuo rispetto verso di loro. 

Il bello della manifestazione comprende anche le prove che si svolgono dalle 15 del pomeriggio fino alle 19 di sera sul palco, a tratti anche più divertenti del concerto di per se perché spesso si svolgono scene carine e gli artisti interagiscono con il pubblico in un’atmosfera spensierata e più naturale.

Ad aprire la serata, come da tradizione, l’ormai immancabile Antoine Michel, un perfetto sconosciuto a molti, ma un simpatico e particolare ristoratore e cantautore per passione che rallegra e fa ballare un po’ tutti con le sue canzoni divertenti e orecchiabili.

Gli artisti presenti sul palco di questa edizione sono stati oltre cinquanta, con nomi del calibro di Zucchero, Pino Daniele, Mario Biondi, Luca Carboni, Max Pezzali, Patty Pravo, Edoardo Bennato, i Pooh, la Pfm, Giuliano Palma ma anche con artisti vincitori negli anni di Amici come Alessandra Amoroso ed Emma Marrone, comici come Sasà Salvaggio, Pablo e Pedro, Greg e Lillo, Alessandro Siani, Panariello e una serie di “madrine” che hanno aiutato Baglioni come Paola Saluzzi, Ilaria Moscato e Ramona Badescu.

oscia 2001 117oscia 2001 353

Tanti altri artisti, per problemi di salute o per imprevisti lavorativi non hanno potuto accettare all’ultimo minuto l’invito di Baglioni, tra cui Renato Zero, Luciano Ligabue, Fiorella Mannoia, Massimo Ranieri, Ron e tanti altri, ma sono stati, nel possibile, sostituiti da altri artisti in maniera egregia, con la speranza che si presentino nella prossima edizione che ormai è diventato un evento unico e inimitabile.

 

Come raccolti attorno ad un falò, senza differenze di razza, cultura o provenienza, ma tutti lampedusani acquisiti, uniti ad ascoltare il lento spegnersi dell’acqua del mare sulla battigia, a osservare il cielo pieno di stelle a fare da cornice a uno show fatto da grandi prestigiatori, maghi e fate che con la loro voce, le loro parole, i loro gesti, gli sguardi e con la loro voglia di stupire hanno condiviso con tutti i presenti serate indimenticabili e memorabili in un’atmosfera quasi surreale e da sogno.      

 

Per l’elenco completo dei partecipanti o per visionare le manifestazioni precedenti, gli eventi e una serie di foto, video e informazioni generali su O’scià si possono consultare il sito ufficiale della Fondazione O’scià che organizza la manifestazione e tantissimi siti che si possono trovare mediante ricerche su internet, tra cui:

.Fondazioneoscia.org

.Lampedusa35.com

.Doremifasol.org

 

<<O’scià, il Vento di un Respiro ci porterà vicino.>>

 

Repost 0
Published by Rosario - in Viaggi
scrivi un commento
7 ottobre 2011 5 07 /10 /ottobre /2011 09:39

Dare una descrizione generale di una lithops è un'impresa davvero ardua, vista la molteplicità di forme, disegni, colori e fiori.
Le lithops sono un gruppo di piante succulente estremamente variabili ed esclusive della parte meridionale del continente africano, appartenenti alla famiglia delle mesembriantemacee, ma che con le dovute attenzioni, si possono coltivare in qualunque parte del mondo con ottimi risultati.
Per linee generali si tratta di due facce generalmente simmetriche e rotonde o ellittiche, separate da una fessura che può essere più o meno aperta ed evidente, la cui superficie è caratterizzata da linee o trattini (dette rubricazioni) o da puntini più o meno concentrati e con colorazioni diverse.
La pianta, se coltivata con i giusti metodi, al tatto risulta dura e soda mentre quando è morbida o con delle grinze sulla superficie laterale significa che ha bisogno di acqua o è in fase di muta e va lasciata vegetare senza alcun altro ausilio.

lith5
Infatti, la muta è un'altro degli aspetti tipici che caratterizzano queste piante e proprio come i serpenti che cambiano pelle, il loro tessuto si disidrata e le foglie (entrambe le facce della lithops) muoiono a favore di uno o più figli che si nutriranno nel primo stadio direttamente dalla parte succulenta della pianta madre.

In natura le lithops le troviamo in Namibia, in Botswana e in Sud Africa, in particolare nelle regioni montane e pietrose, sopratutto in presenza di zone ricche di quarzo e con terricci prevalentemente misti con pietre, sabbia e particolarmente aridi.

 

Particolare e affascinante è il fiore che sboccia in autunno (o in tarda estate per alcune specie) il cui colore varia dal bianco candido al giallo e con alcuni fiori caratterizzati da entrambi i colori.
Per dare un'idea si può accostare la forma del fiore ad una margherita, con un'ampiezza più o meno proporzionata alle dimensioni della pianta e a volte profumano intensamente,
probabilmente in base alla temperatura o all'umidità dell'aria esterna.
Dai fiori, opportunamente impollinati dagli insetti o manualmente dall'uomo attraverso un pennellino, nasce e si sviluppa una capsula seminifera che si apre a contatto con le gocce d'acqua, rilasciando i semi che spesso sono numerosi.

lith3
Solitamente i semi che si raccolgono vanno conservati in luogo asciutto per almeno un anno prima di seminarli poiché meno sono freschi e più alta è la probabilità che germinano, diversamente dalla maggior parte dei semi di cactacee o di altre piante.
Per seminarli basta spargerli in superficie in un vasetto contenente terriccio setacciato finemente con inerti quali lapillo, pomice o brecciolino e con il terreno umido germinano dopo appena tre, quattro giorni.

Un'altra caratteristica delle lithops è il mimetismo, infatti, sono spesso definite " piante mimetiche" per la difficoltà ad individuarle nel loro habitat naturale e purtroppo facilmente calpestabili dagli animali e dall’uomo.
In natura un metodo efficace per individuarle e scovarle è quello di mettersi in ginocchio e "sintonizzare" gli occhi per metterle a fuoco; basta avvistarne una o capirne la tecnica che all'improvviso spuntano come quei quadri che fissandoli mostrano una figura nascosta.

lith2

La coltivazione delle lithops:

Coltivare le lithops non è così semplice come coltivare le piante grasse, ma richiede un po' più di impegno e di attenzioni; infatti, molto spesso, si rinuncia a coltivarle perché con i primi tentativi le piante muoiono e si preferisce evitare di coltivarle perché si pensa che siano soggette a morte istantanea senza spiegazioni, quando in realtà si sbaglia a coltivarle.

Come tutte le piante grasse le lithops amano il sole, ma è importante abituarle gradualmente per evitare scottature, proprio come per l’essere umano ed evitare luoghi umidi e poco arieggiati.

Il consiglio è di acquistare sempre le piante da vivaisti specializzati, appurando che non siano piante coltivate in piena torba, ma in un terriccio ben drenante, per evitare che la torba soffochi con il tempo le radici, provocando la morte della pianta stessa in breve tempo.

lith1 

La semina:

Le soddisfazioni maggiori si hanno (così come per tutti gli altri tipi di piante) coltivando le lithops da seme, in modo da avere una collezione completa con spese decisamente irrisorie (rispetto al doverle acquistare una per una) e con un buon numero di piante sane e robuste perché si adattano più facilmente ai nostri errori sin da piccole.
La semina è effettuata prevalentemente in autunno, anche se si può seminare a inizio primavera e i semi germinano ad una temperatura compresa tra i 22 e i 28°C grazie a una buona illuminazione e mai in pieno sole (si rischierebbe di bruciare le giovani plantule).
Il vaso è molto importante poiché le piante adulte formano radici di circa dieci o dodici centimetri e devono avere dei fori di drenaggio per l'acqua in eccesso, onde evitare pericolosi ristagni.
L'irrigazione si può effettuare dall'alto o dal basso e il consiglio è di osservare la pianta; è lei stessa a farci capire se ha bisogno o meno d'acqua, in base al suo aspetto più o meno raggrinzito.
Da evitare assolutamente l'acqua in fase di muta perchè la pianta si nutre dei suoi stessi tessuti e marcirebbe improvvisamente; la qualità dell'acqua è indifferente (da rubinetto o piovana), anche se è necessario fare attenzione alla quantità che deve essere né troppa né troppo poca, ma si impara con l'esperienza a riconoscere il loro stato di salute e la necessità di cibo in base allo stato dei tessuti della pianta.

 

Dove acquistare:

Le lithops si possono acquistare nei vivai specializzati di zona o su internet, in uno dei tantissimi siti di aziende che offrono cataloghi completi di foto e informazioni dettagliate sui luoghi di origine e su eventuali field number che servono per identificare univocamente la provenienza della pianta o dei semi raccolti. I prezzi variano in base al tipo di pianta, alle sue dimensioni, dal tipo di crescita e alla difficoltà nel coltivarla, per cui si possono trovare lithops con prezzi che vanno da un euro fino ai sei euro per singola pianta delle stesse dimensioni.

Tra i tantissimi rivenditori di semi e piante online troviamo:

- .Semilandia.it

- .Koehres-kaktus.de

- .Milenaudisio.it
- .
Cactus-art.biz

 

 

lith4

Repost 0
Published by Rosario - in Flora e Botanica
scrivi un commento
30 agosto 2011 2 30 /08 /agosto /2011 17:06

Le batterie sono sempre più presenti nelle nostre case, per una serie di accessori elettronici che richiedono continuamente di essere alimentati; per questo e per motivi ecologici sono state inventate le batterie ricaricabili e con esse i caricabatterie. Con questa semplice recensione vediamo le caratteristiche del caricabatterie quindici minuti Duracell, con pregi e difetti riscontrati.

Caratteristiche tecniche

La Duracell è un marchio fondato nel 1964 dalla Procter & Gamble, una multinazionale degli Stati Uniti che produce beni di largo consumo e proprio la Duracell è conosciuta in tutto il mondo grazie a una serie di batterie, caricabatterie e torce elettriche caratterizzate da una lunga durata.

Tra i tanti prodotti commercializzati troviamo una serie di batterie alcaline di diverse misure, ricaricabili (chiamate anche rechargeable batteries), e sistemi di alimentazione per dispositivi portatili o usb charger per notebook, fotocamere, lettori Mp3, palmari e tanti altri.

Esistono numerosi caricatori per batterie, tra cui troviamo, nella gamma dei ricaricabili, il Caricabatterie quindici minuti, uno tra i più rapidi della casa Duracell: consente di ospitare da una fino a quattro batterie contemporaneamente e di ricaricarle con una media di quindici minuti, in base, ovviamente, allo stato di carica, alla capacità della pila e alla temperatura di funzionamento.

Il caricabatterie ha un design sobrio ed elegante, con dimensioni compatte e un LED incorporato che indica lo stato di carica delle batterie, diventando verde a carica ultimata, mentre, se dovesse lampeggiare, occorre controllare che si stiano effettivamente caricando le batterie corrette.

Il caricabatterie, infatti, è in grado di ricaricare il tipo Ni MH stilo AA e ministilo AAA di tutte le marche, anche se è preferibile e raccomandabile utilizzare le batterie fornite in dotazione nella confezione o le pile della stessa azienda per ottenere le migliori prestazioni.

Per caricare le batterie occorre inserire due pile nell'apposito alloggiamento, alimentare il caricabatterie alla corrente elettrica e, se il collegamento è avvenuto correttamente, il LED si accende e rimane rosso per tutta la durata della carica, per poi diventare verde.

Ovviamente, occorre ricaricare in ambienti asciutti e non utilizzarlo impropriamente per cercare di caricare altri tipi di batterie che non sono previsti e di attenersi a tutte le disposizioni del libretto d'istruzioni.

Sul sito della casa produttrice, Duracell.it, è possibile acquistare il caricabatterie in uno dei tanti rivenditori autorizzati, oppure si può scegliere di acquistarlo in un rivenditore di zona o in un centro commerciale a un prezzo che si aggira attorno ai settanta euro, ma con sconti per chi acquista un numero maggiore di caricabatterie.

Aspetti positivi

  • Prodotto affidabile, rapido e duraturo, se utilizzato correttamente.

Aspetti negativi

  • Il prezzo, troppo alto rispetto a prodotti simili di altri marchi in commercio.
Duracell AA alkaline batteries | Source Fron English Wikipedia. | DaShaded Duracell203 Project365Durie the Duracell
Repost 0
Published by Rosario - in Fai da te
scrivi un commento
29 agosto 2011 1 29 /08 /agosto /2011 09:23

Questa semplice guida all'acquisto online è realizzata per tutti gli amanti della pesca, della vela e di tutti quegli sport acquatici che richiedono un impermeabile per la protezione dal vento e dall'acqua, chiamato anche Spray Top.

Caratteristiche del prodotto

Uno Spray Top è una giacca o giubbotto impermeabile, ideale per chi pratica sport all'aria aperta e in particolar modo in acqua, con canoe, kayak, catamarani e barche a vela, e ha bisogno di un abbigliamento in grado di proteggere il proprio corpo dall'acqua, dalla pioggia e dal vento.

In commercio esistono numerose aziende specializzate nella progettazione e realizzazione di spray top con tessuti e materiali innovativi, in grado di consentire la massima impermeabilità e la traspirabilità poiché, mentre si compie un'attività fisica, il nostro corpo cede molti liquidi che devono essere dispersi e inoltre lascia passare l'aria. Molte aziende riescono a trovare un giusto compromesso fra traspirabilità e waterproof per cui è fondamentale, in fase di acquisto, scegliere giubbotti capaci di garantire entrambe le cose nel miglior modo possibile, prestando attenzione a tutte le specifiche tecniche del giubbotto.

I termini che indicano il waterproof e la traspirabilità sono rispettivamente WP e MVP (acronimo di Moisture Vapour Permeable) e per i professionisti il consiglio è di acquistare quelli che hanno un minimo di 3000 mm di WP e altrettanti di WPM.

Anche le cuciture e le giunture devono essere curate nei minimi dettagli e con tecniche innovative, affinché l'acqua non entri attraverso i microfori e non ci siano infiltrazioni, provocando disagi a chi indossa il giubbotto.

I tessuti utilizzati per la realizzazione degli spray top sono il poliuretano, il neoprene, il nylon, il poliestere, il nylon resinato e tanti altri, o una combinazione di questi materiali per garantire il massimo della vestibilità e le caratteristiche sopra citate.

Esistono anche modelli specifici per uomo, donna o per entrambi i sessi, caratterizzati da stili, disegni e forme particolari per soddisfare ogni tipo di gusto ed esigenza e con prezzi alla portata di tutti.

Dove acquistare online

Acquistare online è sicuramente la scelta migliore, grazie a numerose offerte e sconti proposti per chi decide di comprare su Internet e la ricerca è molto semplice, si ha solo l'imbarazzo della scelta.

Tra le tante aziende online che producono e commercializzano spray top, troviamo la Magic Marine (Magicmarine.com), azienda olandese fondata nel 1989 e con un'ottima serie di giubbotti acquistabili da rivenditori di tutto il mondo. Chi cerca qualcosa di più economico può trovare sul sito Decathlon (Decathlon.it) lo spray top DG100 rosso della Tribord (Tribord.com), azienda nata nel 1996 e appartenente al gruppo Oxylane, specializzati in attrezzature per sport acquatici.

Altri siti sono:

  • Nrsweb.com

  • Bolsenayachting.com

  • Vetrinasport.com
Deportes: "Vela para Todos", de Ámbar, segundo posto na II Regata de O ENTUSIASMO DA VELA
Repost 0
Published by Rosario - in Sport
scrivi un commento
28 agosto 2011 7 28 /08 /agosto /2011 08:18

Google, uno dei motori di ricerca più famosi al mondo, è un potentissimo strumento, caratterizzato da una serie di funzioni e applicazioni che semplificano la condivisione di file, documenti, video e immagini tramite strumenti e funzioni interessanti, intuitivi e di facile utilizzo. Con questo semplice articolo vediamo come fare per condividere documenti tramite Google.

Aspetti generali di Google Docs

La condivisione di documenti, foto, video e link è molto utile per chi lavora in azienda o per gruppi di amici e conoscenti che vogliono rendere partecipi solo alcuni gruppi di persone, senza necessariamente dover ricorrere alle email.

Con Google tutto ciò avviene con pochi e semplici passi, grazie a un'applicazione gratuita messa a disposizione ai propri account, con la possibilità di condividere liberamente una cartella documenti condivisi ad altri utenti registrati con file di utilizzo comune.

L'applicazione Google documenti condivisi è molto intuitiva e di semplice utilizzo, infatti, basta creare una cartella all'interno dell'applicazione, inserire i documenti che interessa condividere e inserire l'elenco di utenti a cui si possono assegnare i vari permessi alla cartella.

Con l'applicazione si possono condividere documenti di testo, fogli di lavoro, disegni, file in PDF, presentazioni, immagini, video o una loro combinazione ed esistono altre opzioni che consentono di rendere visibile o privata la cartella o il documento condiviso, di pubblicarlo sul web e di organizzare le proprie raccolte di documenti o quelle condivise da altri utenti.

È anche possibile suddividere le cartelle nella sezione "Speciali", spostare la cartella dei documenti in una raccolta differente, eliminare documenti condivisi, proprio come se si lavorasse nel proprio desktop del computer.

Per informare gli utenti di un nuovo documento condiviso basta inviare loro un link e in fase di pubblicazione sul web si può scegliere se condividere i documenti con tutto il web oppure solo con chi ha ricevuto l'email con il link.

La chat e la scrittura in contemporanea

Una funzione molto interessante e divertente è quella di poter realizzare un documento in collaborazione con altri utenti che sono contemporaneamente online e abilitati per la scrittura, grazie a una semplice chat e a un foglio di lavoro (molto simile ai classici editor di testo o fogli di lavoro come il pacchetto Office o OpenOffice) su cui si può scrivere in tempo reale e magari concordare con la chat cosa inserire e come impostare il documento.

È uno strumento molto versatile e pratico con cui si possono realizzare documenti per lavoro, ma anche per svago, inserendo delle foto o dei video e commentandoli in tempo reale, con la possibilità di farsi aiutare da qualche amico più esperto per realizzare, ad esempio, una presentazione con foto della propria vacanza e pubblicarla sul web con pochi e semplici passi.

Google: SML / 2007-11-08 / SML DataGoogle Docs upload options

Repost 0
19 agosto 2011 5 19 /08 /agosto /2011 08:16

Questa semplice guida può tornare utile a chi è alla ricerca di una Barbie per arricchire la propria collezione o quella della figlia o per un regalo originale e intramontabile, oppure vuole acquistare dei DVD con le avventure della bambola più famosa del mondo.

Informazioni generali

La Mattel Inc. è un'azienda degli Stati Uniti che ha la produzione più vasta del mondo di giocattoli per bambini, con personaggi quali Big Jim, Barbie e Ken, He-Man conosciuti da diverse generazioni e intramontabili.

La prima Barbie è stata realizzata nel 1959, con un modello che raffigurava una bambola con un costume a righe bianche e nere, sabot con tacco, occhiale da sole e orecchini, con una riproduzione degli anni novanta della Mattel per ricordarne l'esordio.

Dal 1959 ai nostri giorni la bambola ha subito tantissime modifiche, sia nei costumi che nelle forme del viso e molti hanno cominciato a collezionare i vari modelli presenti sul mercato, con una varietà di bambole caratterizzate da dettagli e sfumature sempre diverse e disegnate anche da stilisti affermati.

Tra i tanti modelli della bambola troviamo la versione Fiori di pesco, Pattinatrice, Sposa, Swirl, Gold Sensation e tantissime altre, con accessori alla moda, ricchi guardaroba e oggetti tra i più svariati e con la famosa casa di Barbie, sogno ambito delle bambine.

Negli ultimi anni sono comparsi in commercio anche i giochi e i Dvd della Barbie, ma trovare in giro negozi specializzati nella vendita di Barbie e dei Dvd non è così semplice perché, per quanto riguarda le bambole da collezione, molti negozi hanno solo i modelli classici o le ultime novità, mentre per i Dvd la ricerca diventa ancora più difficile, a meno che non si ricorre a internet, con tantissime opportunità di acquisto. Tra i tanti cd e dvd in commercio si trovano Barbie e le tre moschettiere, Barbie Fairytopia, Barbie Mariposa e le sue amiche fate farfalle, Barbie Raperonzolo, Barbie e il Lago dei Cigni e tanti altri dvd da vedere e collezionare.

Dove acquistare

Chi vuole acquistare dei Dvd delle Barbie può rivolgersi alle videoteche di zona o nei centri commerciali, ma è più facile trovare il Dvd preferito su internet, in uno dei tanti rivenditori online che si occupano di vendita di libri e dvd.

Tra questi siti troviamo, ad esempio, Ibs (Ibs.it) che nella sezione Dvd presenta un vasto assortimento di titoli con prezzi che si aggirano attorno ai dieci euro circa, oppure Unilibro (Unilibro.it) che ha in catalogo anche le collezioni comprendenti sette dvd.

Per chi cerca le bambole può trovarle nei negozi di giocattoli, nei centri commerciali oppure sui siti Fortura.it con una serie di bambole, accessori e arredamenti e Mondobarbie.it.

Bush doof barbiebarbie-ximian
Repost 0
18 agosto 2011 4 18 /08 /agosto /2011 12:44

Lo stress e la vita frenetica di tutti i giorni spingono sempre più persone a trascorrere dei fine settimana nei centri di benessere messi a disposizione dagli alberghi. Con questa semplice guida vediamo come scegliere tra le innumerevoli strutture alberghiere presenti su tutto il territorio nazionale che dispongono di centri benessere al loro interno.

Informazioni generali

Un centro benessere è una particolare struttura che dispone di particolari attrezzature, servizi e personale specializzato per la cura della persona a livello fisico, emotivo e mentale, per rigenerare i propri clienti da periodi di particolare stress o per far trascorrere loro dei giorni indimenticabili. Solitamente le beauty farm e i maggiori hotel hanno un centro di benessere, in cui è possibile soggiornare per un weekend, ma anche per intere settimane con pacchetti personalizzati e offerte interessanti e convenienti.

I centri di benessere si differenziano in base al tipo di servizio offerto, infatti, si può scegliere tra un trattamento romantico (nel caso di una coppia), salutare, rilassante, termale o per la cura della propria bellezza.

In base al servizio dell'hotel benessere cambiano le location, con stanze e cabine realizzate con opportuni accorgimenti per creare un ambiente accogliente, attraverso zone di meditazione, saune, terme, piscine idromassaggio, centri fitness, fanghi, beauty spa, per weekend caratterizzati da coccole, attenzioni, aromaterapia e massaggi mirati per riacquistare quelle energie interiori perse durante periodi di stress.

In Italia esistono numerose strutture che dispongono di un centro di benessere al loro interno, dagli hotel in Umbria e Toscana a quelli dell'Umbria e della Sicilia e, in base al tipo di soggiorno che si intende fare, è possibile contattare il personale dell'hotel che fornirà tutto il materiale informativo e le risposte alle nostre domande per una guida completa sui servizi e sul comportamento da tenere all'interno del centro.

Dove trovare i migliori hotel italiani con centro benessere

Esistono su internet portali dedicati alla ricerca del centro benessere che più soddisfa le nostre richieste, con possibilità di selezionare la regione e la provincia e di contattare tramite email o telefonicamente l'hotel per avere ulteriori informazioni sui servizi offerti e sugli eventuali prezzi per il soggiorno.

Tra questi portali c'è da prendere in considerazione: Centribenessere.it, caratterizzato dalla possibilità di scelta tra hotel & spa, centri di benessere e terme, con ampie recensioni sul tipo di trattamenti, sulle eventuali convenzioni, sui servizi sul posto e sui pacchetti speciali e le offerte degli hotel.

Tra i vari centri di benessere troviamo, ad esempio, L'Hotel Villa Florita in Umbria, con beauty farm e centro benessere, il cui sito internet è: Hotelvillafiorita.com, oppure l'Hotel Villa La Borghetta (Villalaborghetta.com) in Toscana, con piscina, bagno turco e massaggi e Villa Maria (Sportingvillamaria.it), un hotel a quattro stelle, situato nelle colline abruzzesi.

Rominabeautiful woman have massage at spa and wellness centerstilllebenpre sauna

Repost 0
Published by Rosario - in Viaggi
scrivi un commento
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 16:41

Per tutti quelli che si avvicinano al mondo del ciclismo o per chi vuole cambiare la propria bici da corsa, deve confrontarsi con un commercio in continua evoluzione, grazie alla tecnologia che sforna modelli sempre più leggeri e prestanti. Con questa semplice guida vediamo come orientarci nella scelta e nell'acquisto di una bici per ciclismo.

Informazioni generali

In commercio esistono numerosi modelli di bicicletta per praticare il ciclismo, uno sport intramontabile che consente di fare lunghe passeggiate all'aria aperta, di evadere dalle caotiche città per affrontare percorsi in mezzo alla natura, per praticare il cicloturismo o semplicemente per tenersi in forma con un allenamento mirato per gambe, spalle e addominali.

Esistono quindi bici da corsa su strada, mountainbike, bici per sport estremi, le ibride, da passeggio e professionali, per chi pratica il ciclismo a livello dilettantistico o agonistico; la scelta della bicicletta che soddisfi le nostre esigenze dipende dal tipo di disciplina che s'intende seguire, dal modello, dalla marca, dagli accessori in dotazione e dal budget a disposizione e quest'ultimo influisce notevolmente in fase di acquisto.

I marchi che producono biciclette sono tantissimi, italiani e stranieri, tra i quali troviamo la Bianchi, la Cannondale, la Pinarello, la Colnago, la Atala, la Scott, la Shockblaze e tanti altri, con modelli caratterizzati dal peso, dal tipo di materiale con cui sono stati realizzati i componenti principali e dalla forma della struttura.

Nella fase di acquisto è fondamentale, infatti, scegliere la bici che più si adatta al proprio corpo, tenendo in considerazione la propria altezza e alcune misure del corpo per non sforzarlo durante la pedalata e le dimensioni del cerchione e del telaio, in particolare per le donne che hanno bisogno di una bicicletta con un telaio specifico.

E' importante anche acquistare degli accessori indispensabili per la propria sicurezza, quali il casco, l'abbigliamento, le scarpe, la borraccia, i catarifrangenti, i guanti, un kit per le riparazioni che è preferibile acquistarli assieme alla propria bicicletta per ottenere eventuali sconti.

E' anche possibile personalizzare la propria bici con eventuali selle che si adattano al proprio corpo e consentono un utilizzo più confortevole oppure con manubri studiati ad hoc per non sforzare la schiena.

Dove acquistare

Per chi vuole acquistare delle biciclette discrete e a prezzi convenienti può dare un'occhiata nei grandi centri commerciali, mentre chi cerca qualcosa di più professionale, può rivolgersi a un negozio specializzato nella vendita di bici oppure su internet, in uno dei tantissimi produttori e rivenditori online, che offrono soluzioni mirate e personalizzate, con prezzi che vanno dalle centinaia fino alle migliaia di euro, per bici professionali.

Tra i tanti siti online troviamo:

  • Gambacicli.it

  • Worldbike.it

  • Cicliservadei.it

  • Capobianchi.it

  • Ciclimaggi.it

bicycleCannondale CapoMountain Bike Wilder RanchLondon to Brighton Bike Ride - British Heart Foundation

Repost 0
Published by Rosario - in Sport
scrivi un commento
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 09:34

Barca 

Questa semplice guida è rivolta a tutti coloro che sono alla ricerca di una barca o un gommone usato e non sanno come orientarsi in un mercato sempre più in crescita e con soluzioni e occasioni di usato interessanti e da cogliere al volo.

Informazioni generali

Gli amanti del mare, della pesca e degli sport all'aria aperta, avendone la possibilità, prima o poi si troveranno nelle condizioni di voler acquistare una barca o un gommone e la scelta non è così semplice, specie per chi non è esperto del settore.

L'acquisto, infatti, è un investimento, paragonabile a quello di una moto o di una macchina per quanto riguarda i costi iniziali e quelli di manutenzione, ma le soddisfazioni di possedere un mezzo nautico proprio sono tante, specie se si riesce ad acquistare quello che soddisfa le nostre esigenze.

gommone di supportoAi costi di acquisto e manutenzione si vanno poi ad aggiungere quelli di rimessaggio, sia se si decide di lasciare il mezzo in porto, sia se si vuole trasportarlo a casa, con costi non indifferenti per l'acquisto di un apposito carrello; per questo e per altri motivi, si opta sempre più spesso per il mercato dell'usato che offre ottime soluzioni con offerte interessanti e vantaggiose.

In fase di acquisto si può scegliere tra gommoni, barche a vela o a motore, in base ai propri gusti, al numero di persone che può ospitare e al tipo di utilizzo che si intende fare col proprio mezzo. Il gommone è ideale per gite o campeggio nautico per un numero limitato di persone, con la barca a vela si possono fare gite più lunghe, ma richiede una certa bravura nella gestione della barca, essendo un vero e proprio sport, mentre con le barche a motore (entrobordo o fuori bordo) si ha una maggiore comodità e si può utilizzare per svago o per lavoro.

Barca a vela in legno

Tra le tipologie di barche a motore troviamo i motoscafi, che sono generalmente semicabinati e tra le barche più vendute per la loro versatilità, i gozzi, imbarcazioni di legno tradizionali e di piccole dimensioni, utilizzate soprattutto per la pesca e gli sloep, delle barche olandesi usate nei canali, nei grandi laghi, ma anche in mare aperto, dotata di tutti i confort e con un ottimo rapporto qualità prezzo.

Dove acquistare

Le barche e i gommoni usati si possono acquistare attraverso annunci su riviste specializzate, in una delle tante concessionarie di zona o su internet, nei siti di annunci o di aste online (Ebay, Subito, Gliaffari etc.) oppure nei siti e portali specializzati nella vendita dell'usato e il consiglio è di acquistare in autunno.

Tra i tanti siti e portali interessanti, con foto di barche, schede tecniche, informazioni e ottimi prezzi, troviamo:

  • Nautica.it

  • Boatshop.it

  • Italiamaresrl.it

  • Barcausata.net

  • Barche.it

Barca a #badalona aquest matí

Repost 0
Published by Rosario - in Trasporto
scrivi un commento
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 08:23

Tenda maravilhaTra le vacanze alternative e poco dispendiose rientra sicuramente quella in campeggio, a contatto diretto con la natura, e la scelta dell'acquisto di una tenda non è sempre così facile, poiché in commercio ne esistono di tanti modelli, dimensioni e forme, con prezzi accessibili a tutti.

Con questa semplice guida vediamo come orientarci nel mercato delle tende da campeggio per acquistarne una  in grado di soddisfare le nostre esigenze e senza dover spendere cifre astronomiche.

Informazioni generali sulle tende da campeggio

La vita da campeggio non è mai facile e comoda per il semplice fatto di doversi adattare a tutte le situazioni, ma con piccoli accorgimenti e una scelta preventiva ben accurata dell'attrezzatura, si riesce a trascorrere la vacanza in mare o in montagna senza dover spendere cifre spropositate.

tenda da campeggioLa prima cosa da fare in fase di scelta e acquisto di una tenda è considerare il tipo di utilizzo che s'intende fare, poiché esistono tende estive e invernali, le prime leggere, facili da trasportare, realizzate con un solo telo e dotate di eventuali zanzariere, le seconde più robuste, molto più pesanti e studiate per non far disperdere il calore attraverso due strati di telo che creano una specie di camera d'aria. Esistono anche tende per tutte le stagioni, realizzate con cerniere e aperture che consentono di far passare aria fresca in estate e proteggere dal freddo in inverno e sono le più indicate per chi va in campeggio in qualunque periodo dell'anno.

Altri fattori da non trascurare sono le dimensioni delle tende è il numero di persone che riescono a ospitare, infatti, esistono particolari tende chiamate canadesi che sono molto alte e in cui si può stare anche in piedi e le tende da campo, utilizzate da boy scout e militari e capaci di accogliere anche dodici persone contemporaneamente.

Oltre a questi tipi di tenda ne esistono molte altre, tra le quali troviamo le tende igloo, quelle a tunnel, i carrelli tenda, le tende community e tanti altri modelli, con o senza verande esterne e copritetto, per soddisfare ogni tipo di esigenza.

Altri aspetti fondamentali nella scelta sono il peso (specie per chi le deve trasportare con gli zaini), i tipi di materiali che compongono la tenda (il tessuto, il pavimento, i paletti etc.) e la facilità d'installazione e di montaggio.

tenda da campo

Quando si decide finalmente di acquistarla, avendo considerato tutti gli aspetti fondamentali, è consigliato sceglierla con un numero di posti superiore a quello riportato nella confezione, per ospitare anche i bagagli e per avere maggiori possibilità di movimento all'interno della stessa.

Dove acquistare

In commercio esistono numerosi produttori e rivenditori di tende da campeggio e si può scegliere di acquistare nei negozi specializzati, nei grandi magazzini o su internet, scegliendo tra le tantissime offerte. Tra i siti più interessanti e convenienti troviamo:

  • Landosport.com

  • Giacomellisport.com

  • Allforcamping.it

  • Ferrino.it
Repost 0
Published by Rosario - in Fai da te
scrivi un commento