Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

16 gennaio 2012 1 16 /01 /gennaio /2012 09:33

calycinaTra i tanti forum che frequento, più o meno attivamente, c’è da qualche mese anche Giardinaggio e Fiori, un vero e proprio portale, raggiungibile all'indirizzo .Giardinaggio.efiori.com/forum/ , che si occupa di tutto ciò che riguarda il giardinaggio, dalle tecniche di coltivazione alle malattie delle piante, dalla progettazione di angoli nel proprio giardino alla riproduzione, propagazione e alla cura di alberi, rampicanti, cactacee e così via.
La registrazione al forum è semplice e quasi immediata, basta inserire poche informazioni e confermare la registrazione attraverso il link che il portale invierà tramite email. Terminate queste operazioni, che durano pochi minuti, si potrà accedere al forum.
1zykhus(1)La prima cosa da fare, una volta registrati e connessi, è quello di presentarsi agli altri utenti aprendo una nuova discussione (in termine tecnico post), nella sezione Benvenuto - Presentati al forum dedicata alle presentazioni. In questo modo tutti gli utenti potranno vedere l'arrivo del nuovo utente e chi si registra potrà rompere il ghiaccio e cominciare la propria “avventura” all’interno del forum, iniziando ad interagire e a fare le prime conoscenze.

Un altro passo importante è la lettura del regolamento, dove sono elencate le regole per la corretta convivenza all'interno della comunità.
L’accoglienza è assicurata a tutti livelli, e le persone sono molto disponibili sia a fornire consigli che a confrontarsi e a condividere in maniera costruttiva dubbi, esperienze e tecniche relative alla coltivazione di piante, alberi o semplicemente per rilassarsi scambiando quattro chiacchiere del più e del meno in assoluta libertà e nel rispetto del regolamento vigente e della netiquette (buona educazione) che è la classica per ogni forum.
Morfologia fusto MIl forum è di facile navigazione e suddiviso in sei aree: Forum, dedicata al forum in generale, con il regolamento, il supporto tecnico, le comunicazioni di servizio e la sezione di benvenuto, Giardino e dintorni, dedicata alle tecniche di coltivazione, alla progettazione e propagazione delle piante, Giardinaggio, in cui si scende nello specifico e si parla di alberi e arbusti, erbacee, rampicanti, orto e il verde in casa, Le speciali in cui si parla di rose, bonsai, piante tropicali, orchidee, bulbi, hoye e altri tipi di piante più specifiche, L’Altro Giardino in cui si condividono pensieri, idee, curiosità, appunti di viaggio e si mostrano i propri giardini, terrazzi, serre e i luoghi in cui vivono le piante e per finire la sezione Oltre il Giardino, che contiene tutto cio che non è strettamente legato alla coltivazione.

Dendrobnobile13062010(1)All'interno delle aree del forum le discussioni inserite dagli utenti e particolarmente interessanti dal punto di vista tecnico vengono evidenziate dal gruppo di moderazione come Approfondimenti, in questo modo le discussioni diventano delle piccole e preziose guide che possono, in modo veloce, aiutare chi ha la necessità di approfondire argomenti specifici.
La sezione Oltre il Giardino prevede un mercatino, in cui vendere, scambiare o regalare piante o articoli attinenti al giardinaggio, una sezione dedicata alla cucina, con ricette tipiche della propria regione, l’angolo dedicato agli animali domestici che vivono in giardino, una sezione dedicata alla musica e alla fotografia, con trucchi e consigli, e l'area delle chiacchiere sparse in cui si parla di argomenti liberi tipicamente OT (Off Topic, che possono essere interessanti ma non riconducibili al giardinaggio).

Un forum, quindi, che racchiude tantissime informazioni utilissime per chi è un semplice appassionato, un utente alle prime armi con il giardinaggio o per professionisti che vogliono condividere trucchi, segreti ed esperienze dell’affascinante mondo della coltivazione.
giardinaggio-e-fiori 0250(1)Gli argomenti trattati sono tra i più svariati, con numerosi interventi per ogni post aperto, moltissime foto illustrative e con tantissime curiosità, come, ad esempio, il thread dedicato ai frutti strani e insoliti, da leggere tutto d’un fiato ammirando le splendide foto di ciò che la natura è in grado di regalarci.
Ultima cosa importante, nel forum è possibile partecipare a progetti molto interessanti, quali ad esempio il calendario, che viene realizzato con le foto inviate dagli utenti e selezionate mese per mese attraverso un sondaggio, la tessera del socio, in fase di realizzazione, che consentirà agli utenti del forum di usufruire di sconti per gli acquisti presso i vivai convenzionati, e naturalmente partecipare alle iniziative di tipo sociale, come la partecipazione a incontri e raduni per conoscersi di persona, per esempio in occasione di particolari eventi quali mostre, visite a parchi ecc.

Ora che vi ho incuriosito non resta che provare, vi aspetto su .Giardinaggio.efiori.com/forum/

 


Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Giardino ed Esterni
scrivi un commento
15 gennaio 2012 7 15 /01 /gennaio /2012 14:29

non abbandonarliSempre più spesso, in televisione, alla radio o tra amici nei social network, si parla di animali domestici abbandonati, maltrattati, rinchiusi in spazi stretti con pessime condizioni igienico sanitarie e chi più ne ha più ne metta e spesso nasce in noi un senso d’impotenza e una voglia di gridare al mondo intero quanto danno stanno arrecando persone senza scrupoli, senza un briciolo di sentimento e credenti solo al dio denaro.

Per questo e per altre ragioni, in Italia sono nate tantissime organizzazioni a difesa dei nostri amati e fidatissimi animali che subiscono quotidianamente torture di ogni tipo e sono abbandonati in giro perché magari incombe la vacanza estiva o perché “la moda del momento di possedere un cucciolo” è svanita perché quest’ultimo è cresciuto troppo. 

prontofidoTra i tantissimi siti che si occupano di animali e in particolare di cani e gatti troviamo Prontofido, un portale che si occupa di divulgare informazioni e tutta una serie di servizi per i nostri amici animali, un’iniziativa di Radio 105 e Radio Monte Carlo.

Il portale è semplice, veloce da caricare e ben organizzato, con un menù sulla sinistra con la lista di tutti i servizi offerti da Prontofido tra cui troviamo una lista degli animali smarriti e ritrovati, le offerte di adozione, l’elenco dei canili in Italia, le liste per richieste di adozione, anche a distanza, il servizio di Dogsitter, una bacheca per gestire i propri annunci e numerose informazioni per le pensioni per cani e gatti, sugli alberghi che accettano gli animali, consigli per il viaggiatore accompagnato dal proprio animale, i contatti per le emergenze di organizzazioni famose quali la LAV, l’ENPA, la Lega del cane, l’OIPA e le rubriche, con il blog, i banner e tanto altro ancora.

numero-abbandono-caniSul sito si trovano numerose foto, descrizioni dettagliate e video di cani e gatti da adottare suddivisi per regione e provincia, con segnalazioni sicure e affidabili, per cui vale la pena darvi uno sguardo in caso di adozione, anche a distanza.

Inoltre, Prontofido ha promosso, in collaborazione con alcune emittenti radiofoniche (Radio Monte Carlo, Radio Virgin, Radio Bau & Co e Radio 105) e con la A.I.D.A.A. (Associazione Italiana per la Difesa di Animali e Ambiente), il progetto “Io l’ho visto”, con un numero di cellulare da chiamare per segnalare tutti quei casi di animali abbandonati in autostrada, alla quinta edizione.

cane in scatolaIl numero da chiamare per le segnalazioni o cui inviare un sms con tutte le coordinate in cui è avvenuto l’abbandono è il seguente: 3341051030.

Questo è quanto è riportato sul sito .Prontofido.net:

Ed ecco i numeri di questa estate: 

1044 i volontari in campo per 43 giorni, per un totale di oltre 650 ore di presenza sulle autostrade italiane con una media giornaliera di 47 team anti abbandono di Io l'ho visto.

1075 gli interventi messi in campo che hanno permesso di mettere in sicurezza 869 cani, 304 dei quali restituiti ai legittimi proprietari in quanto fuggiti o di cui era stata regolarmente denunciata la scomparsa.
Oltre 260 le persone individuate mentre abbandonavano il loro cane.
Questi i numeri riassuntivi dell'edizione 2011 di Io l'ho Visto. Un'edizione che ha visto una maggiore operatività dei team che sono riusciti a intervenire mettendo in sicurezza il cane abbandonato in oltre il 60% dei casi.
Diminuiti di circa il 20% anche gli avvistamenti rispetto allo scorso anno e come l'anno scorso e gli anni precedenti oltre l'80% delle segnalazioni sono pervenute dalle regioni de centro sud Italia e in particolare da Campania, Sicilia, Lazio e Abruzzo, in diminuzione sensibile invece le segnalazioni provenienti dalla Puglia.

Un grazie a tutti i volontari dei team antiabbandono e a tutti coloro che hanno collaborato a questa grande avventura. Primo fra tutti Lorenzo Croce che ha diretto e organizzato i volontari e i recuperi in autostrada, grazie a Cristina Sanna a Radiomontecarlo, Radio 105, Virgin Radio e Radio bau. Io l'ho visto è patrocinato dal Ministro del Turismo.

PRONTOFIDO vi da appuntamento a Io l'ho visto edizione 2012

Loredana Rancati
Presidente PRONTOFIDO

cane prontofidoNon mi resta che invitarvi a dare un’occhiata al sito di Prontofido e di documentarvi bene prima di acquistare o di prendersi cura di un animale che non è un giocattolo usa e getta o qualcosa con cui ci si possa stancare, ma ben altro!

Segnalate sempre tutti gli abusi commessi ai danni degli animali e non esitate a informare, intervenendo il prima possibile a difesa dei nostri amici a quattro zampe.

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Animali
scrivi un commento
13 gennaio 2012 5 13 /01 /gennaio /2012 19:05

giardinoNavigando sulla rete in cerca di spunti creativi per il mio giardino mi sono imbattuto in un sito davvero interessante che farà comodo a molti, interamente realizzato da Luca Camarella, da cui prende il nome del sito: .Camarella.it, e si occupa proprio di tutto un po’.

La home page è semplice e di facile navigazione, con un menù sulla sinistra, una bella immagine di un giardino con un bel barbecue e le informazioni generali nella parte sottostante la foto.

Sul sito, per linee generali, sono presentate tutte le creazioni e le piccole realizzazioni di Luca, che sono una piccola vetrina di tutto quello che è in grado di costruire e inventare, grazie al suo bellissimo hobby che richiede ingegno, fantasia, molta manualità e praticità e da cui ottiene grandi soddisfazioni.

nido

Gli oggetti che riesce a realizzare sono di varia natura e di tutte le dimensioni, dai mobili alle cucce coibentate per il proprio cane, dal nido per uccellini alle casette in legno per depositare gli attrezzi, oltre a curare tutti gli aspetti estetici di un giardino, dalla progettazione alla realizzazione. Il tutto nei ritagli di tempo o come passatempo e sul sito ci sono sono alcuni elementi rappresentativi, ma si sa, con il legno, una buona dose di creatività e manualità e gli attrezzi giusti, ci si può sbizzarrire con mensole, mobili, cancelletti in legno, ante e così via.

MOBILE PORTA TVSul sito, come dicevo, è possibile visionare alcune delle sue creazioni, dai laghetti agli angoli di giardino destinati ai giochi per i bambini, ma anche altre informazioni utili come, ad esempio, Il Mercatino degli angeli, il Presepe di Callabiana, Vigliano, le news e l’Angolo delle offerte.

A proposito del presepe, Luca realizza anche delle casette per i presepi, ottima idea regalo per amici o parenti appassionati o per completare il proprio presepe con elementi artistici creati a mano.

Altri link utili sono le convenzioni del sito con dei negozi e delle aziende di zona, come un’Ottica biellese che offre uno sconto del dieci per cento sui loro prodotti per chi visita il sito di Camarella, i siti amici, il meteo, l’oroscopo e c’è da sottolineare che il sito è in continua crescita.

CASETTA 22

 

Non esitare, quindi, a visitare il sito ed eventualmente a contribuire alla sua crescita, ma anche ad approfittarne per contattare Luca che sarà ben lieto di darvi consigli, preventivi e quant’altro possa esservi utile per abbellire, migliorare o personalizzare angoli di giardino e tanto altro.

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Fai da te
scrivi un commento
12 gennaio 2012 4 12 /01 /gennaio /2012 14:25


copertina coriolanoCoriolano della Floresta, il libro che sto per presentarvi, l'ho trovato in libreria da Flaccovio (che poi è la casa editrice del libro), proprio dopo aver terminato di leggere i Beati Paoli di Luigi Natoli e l'ho acquistato senza nemmeno pensarci su, desideroso di leggere il seguito degli "amici" Blasco di Castiglione e Coriolano della Floresta e l'evolversi delle loro vicende a una cifra irrisoria, poiché si tratta di oltre mille pagine (ho speso appena 19,50Euro).
Il libro, come il precedente, ha la copertina gialla con raffigurati degli uomini incappucciati e attorno ad un tavolino con un libro aperto e un crocifisso che stanno interrogando un nobile, mentre nella parte centrale la seguente scritta:
"Dalle scalinate romane di Trinità dei Monti alle stradine di Napoli, dai boschi siciliani ai sotterranei e ai palazzi di Palermo continua la saga dei Beati Paoli."
Il libro comincia con un'interessantissima e necessaria introduzione di Rosario La Duca che ci delucida e anticipa le vicende storiche narrate nel romanzo, per nulla noiose e che rendono ancora più completa e affascinante tutta la trama.
Un mio consiglio è di leggere per primo il romanzo dei Beati Paoli, giusto per dare una corretta cronologia a tutta la storia, ma è anche possibile non farlo poiché il romanzo è abbastanza slegato dal primo e in ogni caso ci sono le note alla fine del libro che aiutano a chiarire alcuni personaggi e le loro storie.
Nelle note ci sono anche interessanti informazioni riguardo ad alcune frasi tipiche siciliane, oltre che a una breve descrizione di alcuni luoghi che caratterizzano Palermo e le sue meraviglie.

La trama:
copertina 2Non è facile parlare della trama di questo romanzo perché svelerei troppe cose, per cui mi limito a una trama rapida e poco approfondita.
Protagonista del romanzo è Cesare Brancaleone, un giovane valoroso e di origini sconosciute che s'innamora della bella Giovanna Oxorio, una fanciulla nobile che farà viaggiare Cesare da Roma a Napoli, per poi scendere in quella Sicilia settecentesca, affascinante e misteriosa, spinto dalla passione e dall'amore eterno.
Ed è proprio a Palermo che si sviluppa quasi tutta la vicenda, quella Palermo tanto amata dall'autore, una città in netto contrasto, dove regna lo sfarzo delle potenti famiglie nobili, con i loro palazzi e le loro carrozze sfarzose e con la miseria più assoluta fatta di case povere e carena di cibo.
Come in tutte le storie d'amore in apparenza impossibili ci sono i buoni e i cattivi, quelli favorevoli a questo matrimonio e quelli che faranno di tutto pur di non vedere trionfare l'amore sincero.
E saranno proprio quei Beati Paoli, la misteriosa setta degli uomini con il cappuccio, i cosiddetti "vendicosi", a proteggere i due giovani contro la famiglia Oxorio che è capace di tutto pur di non dare la propria figlia in sposa a un giovane di non eguale nobiltà.
I Beati Paoli, nuovamente riunitisi dopo cinquanta anni, prendono a cuore questa storia e cercheranno di proteggere i due giovani e una città, la bellissima Palermo, oppressa dai nobili che controllano il mercato dei beni di prima necessità per arricchirsi alle spalle del popolino che può ben poco per far sentire il proprio urlo di disperazione.

Le mie considerazioni:
coriolano della florestaUn romanzo per me bellissimo, affascinante, interessante, una storia d'amore di altri tempi, una narrazione impeccabile, ipnotica, che tiene legato il lettore sin dalle prime pagine.
Vi è mai capitato di avere per le mani un "mattone" di oltre mille pagine e pensare: "Non ci riuscirò mai a leggerlo", "speriamo di finirlo entro il prossimo anno" e via discorrendo?
E quando state per giungere agli ultimi capitoli, alle ultime pagine di pensare: "speriamo che non finisca, speriamo che ci sia un seguito".
Beh, questo e altro ancora è ciò che ho provato nel leggere queste meravigliose pagine che scorrevano tra le mie dita come un fiume in piena, carico di emozioni, di colpi di scena, di storie popolari e di luoghi incantevoli in cui è facile impersonarsi nel protagonista della storia.
Come vi dicevo siamo di fronte ad una storia d'amore tra due giovani magistralmente raccontata, un amore fatto di sguardi, di sorrisi, d'inchini, di parole e promesse dettate con il cuore in mano, di un amore puro e sincero che oggi sembra impensabile e irreale.
luigi-natolidipinto-fi-f-camarda1934.jpgLa storia si sposta da Trinità dei Monti a Roma, dove Cesare conosce e corteggia appassionatamente la bella Giovanna passando per le stradine di Napoli, una città viva, fatta di grandi signori, ma anche di gente comune, verace, servizievole, generosa, la cui bontà d'animo fa superare ogni piccolo e grande ostacolo.
Molto simpatici e coloriti i personaggi che Cesare, il nostro protagonista, incontra per le strade partenopee, gente che per un "tarì" dato da un nobile o un cavaliere si mette subito a disposizione.
Luigi Natoli è pazzo della bellissima Palermo e con il suo romanzo ne esalta le bellezze, fa paragoni assurdi e azzardati con altre città d'arte, ci descrive ogni viuzza, ogni monumento, ogni luogo con una tale precisione e accuratezza che per un palermitano è uno spettacolo ritrovarsi quegli stessi luoghi che ancora oggi persistono e sono visibili in giro per la città(ovviamente è inutile rilevare che ogni città è bella di suo e non confrontabile con le altre).


Durante la narrazione non ho riscontrato mai una parte noiosa, lenta, tutto scorre alla perfezione, senza alcun intoppo, i colpi di scena sono frequenti, le emozioni pure, i personaggi curiosi ed interessanti non mancano e le trame s'intrecciano e si slegano molto fluidamente.
Coriolano 1Cesare è un tipo tosto, valoroso e impavido e attorno a lui ruotano amore, odio, fratellanza, amicizia profonda, incomprensioni legate alla mentalità a tratti ottusa e plagiabile della gente potente, spie, assassini e povera gente dal cuore grande.
E nei luoghi più impensabili, nascosti da tutto e da tutti, ma in grado di tessere una tela grande quanto tutta la città con pochi adepti, agiscono in gran segreto e con i loro codici i famosi Beati Paoli, quegli uomini incappucciati e misteriosi che sanno tutto e che sono pronti a sacrificare chiunque per il bene del popolo e degli oppressi, quella setta che molti credono sparita nel nulla, ma di cui hanno paura di nominare.

Un romanzo che non può mancare in una libreria che si rispetti, qualcosa di cui un siciliano non può e non deve farne a meno, un racconto che oserei paragonare come bellezza e come emozioni ai Promessi Sposi, anche se, per ragioni a me inspiegabili, non ha avuto la stessa fama e la stessa visibilità.
Senza aver letto I Beati Paoli, difficilmente sarei rimasto catturato da questo libro dal titolo alquanto bizzarro e di difficile pronuncia, perdendomi una storia in cui ci si trova tra castelli, regine, re, cavalieri, duchi, contesse, carrozze e palazzi magnifici, cortigiani, pretori, medici e gente comune che vive di sacrifici e stenti quotidiani.
Con questo romanzo termina, ahimè, la saga dei Beati Paoli, due romanzi che custodisco gelosamente nella mia piccola libreria e che consiglio vivamente a tutti di leggere.

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Libri e letteratura
scrivi un commento
10 gennaio 2012 2 10 /01 /gennaio /2012 17:48

 

bricocenterDa ieri fino a giorno trenta di Gennaio del corrente anno avrò l’onore e il piacere di partecipare alla nuova campagna di passaparola per Casa Bricocenter, grazie al sito ZZUB di cui faccio parte, un social network che si occupa di passaparola, grazie alla sua numerosissima community di persone provenienti da tutta Italia e a campagne prestigiose tra cui troviamo la Vodafone, la Samsung, Telecom Italia, Pfizer e tante altre aziende.  

Una delle loro campagne è proprio quella di Casa Bricocenter, un’iniziativa del famoso negozio di articoli per il fai da te e per l’arredamento della casa e del giardino che si trova in tutta Italia che ha creato una bella community di appassionati del bricolage, dell’arredamento, dell’hobbistica e del giardinaggio che condividono le proprie esperienze, trucchi, consigli e informazioni con gli altri.

logo-brico-ok

Il sito è suddiviso in diverse sezioni , tra cui la sezione “Come fare” in cui si possono condividere dei piccoli video che mostrano come sono state realizzate delle creazioni o dei lavori manuali fatti in casa o nel proprio giardino, la sezione dei Sondaggi, in cui ogni settimana lo staff propone ai propri utenti per prendere spunti e scrivere articoli per il blog.

Altre sezioni sono quella delle “Domande e risposte”, in cui ciascun utente può porre delle domande all’intera community su alcuni dubbi o su dei lavori da espletare e chi vuole può dare una risposta che verrà candidata per l’elezione della migliore risposta e la sezione “Fatto da voi” in cui si mostrano con delle foto e una breve descrizione del lavoro svolto per la realizzazione, ad esempio, di un giardino roccioso, da me realizzato (http://casabrico.bricocenter.it/fatto-da-voi/dettaglio-fdv/fatto-da-voi/il-mio-giardino-roccioso ), di un presepe artistico, di un albero di natale originale ed economico , di bottiglie in vetro decorate e così via.

logoCon i punti accumulati, è possibile richiedere un buono sconto da spendere nel Bricocenter più vicino a casa vostra o in quello di fiducia; inoltre Casa Bricocenter da i primi venti punti in omaggio al momento della registrazione e altri dieci per l’inserimento di ulteriori informazioni nel proprio profilo (età, sesso, numero di cellulare etc.).

Altri punti si guadagnano con i sondaggi, invitando un amico, segnalando contenuti inappropriati all’interno della community, aiutando gli altri utenti e tante altre possibilità di guadagno ti aspettano.

zzub

Insomma, ci si può sbizzarrire, mostrando la propria abilità, maestria e bravura con tutto ciò che riguarda il fai da te, l’arte e l’inventiva, guadagnando dei punti per ogni attività pubblicata (previa accettazione da parte dello staff).

La mia impressione sul sito è stata positivissima, con una breve partecipazione nel mese di dicembre in cui ho ricevuto il mio primo buono acquisto del valore di venticinque euro che con la crisi che stiamo passando e con i lavori di fai da te cui mi dedico spesso mi tornano davvero utili, per cui vi consiglio, da bravo zzuber, di iscrivervi al sito ZZUB al seguente indirizzo:

.Zzub.it

per poter partecipare ad altre campagne e di iscrivervi a Casa Bricocenter, tramite il sito:

.Casabrico.bricocenter.it.

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Fai da te
scrivi un commento
9 gennaio 2012 1 09 /01 /gennaio /2012 15:55

Con questa semplice e pratica guida vediamo come alimentare al meglio gli Agapornis, per garantirgli il corretto apporto di sostanze di cui hanno di bisogno e di conseguenza un’alimentazione sana ed equilibrata.

 

Pulli due 008Gli Agapornis, più comunemente conosciuti con il nome di “inseparabili”, sono dei pappagalli di piccole dimensioni (non superano i sedici centimetri di lunghezza) che vivono nelle foreste tropicali e subtropicali e che si sono adattati discretamente alle nostre temperature e il cui nome deriva dall’abitudine di lisciarsi il pelo a vicenda, per cui amano stare sempre vicini al proprio partner, come due perfetti innamorati ed è raro trovarli da soli, senza compagnia.

Il loro becco, largo e robusto, ha una forma a uncino ed è in grado di frantumare i semi che gli vengono somministrati; inoltre questo genere di pappagalli ha la predisposizione a prendersi cura del proprio corpo e in particolare del piumaggio e del becco che lo levigano di continuo.

Pulli due 001La dieta di questi animali è costituita da semi, frutta fresca, germogli e foglie di insalata o erbe di campo, mentre in natura, a volte, si cibano di insetti e larve, ma è preferibile non dare loro carne in caso di allevamento dentro casa perché l’apporto calorico di cui necessita è inferiore rispetto ad un pappagallo che vive in voliera o in cattività.

Il metodo più pratico e veloce per alimentare i propri pappagalli è quello di cibarlo con prodotti che si possono trovare in casa, come la pasta cotta, ma senza condimento, il mais cotto al vapore, pezzettini di frutta fresca di stagione, privata dai semi (mele, ciliegie, banane o integratori come datteri e fichi secchi), quella secca, ma a piccole dosi (noci, arachidi, mandorle etc.), carote, finocchi crudi e insalata o verdura fresca, ma solo questi non bastano per la corretta alimentazione, per cui è necessario integrare con dei prodotti preconfezionati.

Tra questi prodotti confezionati troviamo dei miscugli di semi secchi (da prestare particolare attenzione ai semi di girasole, che vanno somministrati in piccole dosi), il pastoncino all’uovo, l’osso di seppia (perfetto per il becco e per le ossa, per l’apporto di calcio), la frutta grattugiata da somministrare in base alle dosi riportate sull’etichetta o consigliate dal veterinario di fiducia.

Il pastoncino si può produrre anche in casa, preparando un miscuglio di legumi (piselli, lenticchie, ceci, fagioli etc.) che va bollito e schiacciato e trasformato in pappetta e costituisce un eccellente alimento.

inseparabili 008 (1)Per quanto riguarda la frutta e l’insalata è importante somministrarla fresca e ben lavata e asciugata e prestare un’attenzione più accurata in caso di prodotti non biologici, per evitare i residui chimici e sostituire il cibo fresco quotidianamente, per evitare che con il tempo possa deteriorarsi e marcire, causando danni all’intestino e alla salute del pappagallo.

pastone.jpgGli inseparabili sono ghiotti di biscotti all’uovo come, ad esempio, i savoiardi e non disdegnano il pezzetto di pane duro per pulirsi e affilarsi il becco e si può somministrare in abbondanza.

Da tenere in considerazione anche gli estrusi, degli alimenti che forniscono ai pappagalli tutto ciò di cui necessitano in maniera equilibrata e bilanciata ricevendo, con un solo alimento, tutto ciò di cui necessitano e digerendoli più velocemente, anche se il loro costo è elevato, ma è importante sottolineare che gli estrusi non sono prodotti da alimenti artificiali e non hanno problemi di marcescenze o muffe.

I prodotti alimentari per pappagalli si possono acquistare nei negozi specializzati per animali, nei grandi magazzini o direttamente online, in uno dei tanti siti dedicati al cibo per pappagalli, con la possibilità di ottenere interessanti sconti per grosse quantità di prodotti acquistati.

 

Tra i siti online troviamo:

.Ornitalia.com

.Pappagallo-store.it

.Ornitologiashop.com

.Animalshopper.it

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Animali
scrivi un commento
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 11:27

 

tinturia2008.jpg

 

Che odore di limoni e gelsomini 
che c'è nella mia terra se cammini 
mi sento forte e ho il cuore di un liuni, 
guardannu chista genti ca m'arridi. 

Arabi, normanni, fenici 
barbari, sicani e quattro proci, 
erano tre mila quanto i greci, 
c'era un santo nero e gli africani. 
Sono passati secoli e le facce 
sono rimaste tutte quante uguali, 
siamo figli di chi ha dominato 
mezzi cattolici e mezzi musulmani. 

Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100. 
Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento e piango, 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100, 

La dominanza, i guerri e li mafiusi, 
resiru a strata arida e spinusa, 
abbiamo a protezione i tre giganti 
e siamo gente con le mani avanti. 

Tedeschi, Giapponesi e due francesi 
i clandestini, i ‘babbi’ americani 
Pippo Baudo, Garibaldi e Goethe, 
Sciascia, Pirandello e Cammilleri, 
sono passati terremoti e frane 
i poveretti c'hanno i macchinoni 
le facce dei politici ruffiani, 
l'abusivismo, i vincoli e i condoni. 

Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100. 
Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento e piango, 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100. 

 U patri dici o figliu un fari u sbagliu, 
vatinni di sta terra ca unn'è cosa! 
Ma iu ca ci nascivu e c'ha muriri 
ma senza toccu e sonu di campani. 
In questo posto siamo tutti amici, 
se litighiamo poi facciamo pace. 
Ci conosciamo tutti e siamo uniti 
per questo ci ammazziamo come i cani. 
Sono passati secoli e le facce 
sono rimaste tutte quante uguali 
siamo figli di chi ha dominato 
mezzi cattolici e mezzi musulmani. 

Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100. 
Non so stare senza questo sole 
questo mare, mi spavento e piango, 
vivo bene solo quando sono in casa 9-2-100. 


 


 

 

 

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Varie ed eventuali
scrivi un commento
6 gennaio 2012 5 06 /01 /gennaio /2012 13:06

batterie-ricaricabiliUna batteria ricaricabile è costituita da cellule elettrochimiche che funzionano come un accumulatore e si può ristabilire la carica mediante appositi caricabatterie che rilasciano la corretta corrente elettrica. Ogni batteria si differisce per il tipo di sostanza chimica utilizzata; per questo si trovano in commercio batterie al litio (Li-ion), al nickel e alcaline oppure combinazioni di sostanze, quali il nickel col cadmio (Ni-Cd) o con il metallo idruro (Ni-mh) e gli ioni di litio con polimeri (Li-ion-polymer).

Nel caso delle batterie alcaline occorre precisare che non tutte sono progettate per essere ricaricate, quindi occorre prestare molta attenzione in fase di acquisto perché tentare di ricaricare questo tipo di batterie con i tradizionali caricabatterie, può provocare un eccessivo surriscaldamento e un'eventuale esplosione delle stesse.
Ogni tipo di batteria sopra elencata ha prestazioni e caratteristiche differenti; giusto per fare qualche esempio, le batterie agli ioni di litio sono tra le più costose, utilizzate per cellulari o computer portatili, con una scarsa perdita di energia a riposo e senza alcun effetto memoria, un fattore importantissimo che aumenta la durata della vita delle batterie; infatti, le batterie ricaricabili, proprio come dice la parola, si possono ricaricare nel momento in cui perdono di carica e così via.

 

Un'evoluzione degli ioni di litio è rappresentata dalla batteria ai polimeri di litio, caratterizzata da un peso minore e da una maggiore autonomia, inoltre, queste batterie non contengono al loro interno liquidi, ma una sostanza gelatinosa che garantisce una produzione di batterie con diverse forme e dimensioni, anche se la durata nel tempo è minore. Una variante è la batteria al litio ricaricabile in film sottile (TFB), caratterizzata da un elevato numero di cicli di ricarica e di scarica.Le batterie Nimh utilizzano nickel e cadmio come elettrodi, sono pesanti e hanno un effetto memoria, ma sono state vietate per la tossicità del cadmio, anche se presenti in prodotti elettronici datati, per cui è importante, al momento della dismissione degli stessi, di gettare le batterie negli appositi contenitori per il rispetto dell’ambiente.

AA ricaricabili duracell

Queste batterie sono state soppiantate dal Nickel-metallo idruro e sono usate tantissimo in casa nei telefoni cordless e nelle videocamere digitali, caratterizzate da un peso leggero e piccole dimensioni, ma con effetto memoria.E' importante l'utilizzo di batterie di marchi noti e garantiti, tra i quali troviamo la Duracell, la Beghelli, la Varta e molte altre più o meno conosciute.

La Duracell è noto marchio di batterie con una storia che inizia nel lontano 1920, grazie alla collaborazione di uno scienziato di nome Samuel Ruben e un fabbricante di filamenti al tungsteno di nome Philip Rogers Mallory che hanno posto le basi della Duracell International; la mascotte dell’azienda è il coniglietto Bunny che fece la comparsa a fianco del marchio nel 1973 e dimostrava agli spettatori che le batterie Duracell duravano più a lungo rispetto agli altri marchi in commercio.

Sul sito .Duracell.it è possibile visionare tutti i tipi di batterie venduti dall’azienda, tutta una serie di soluzioni a disposizione dei clienti come i caricatori USB fissi e portatili, apparecchi acustici, ma anche contattare l’azienda per problemi, chiarimenti o altro e tante altre informazioni interessanti.

beghelli ricaricabiliLa Beghelli S.p.A. è un’azienda italiana nata nel 1981 e specializzata nella realizzazione, produzione e commercializzazione di prodotti per l’illuminazione, tra cui numerosi tipi di pile ricaricabili e una vasta gamma di caricabatterie, dalla versione Gold a quella Fast, dalla Hybrid alla Ultra Power.Sul sito ufficiale: .Beghelli.it, è possibile visionare tutti i prodotti del Gruppo Beghelli, suddivisi per sistemi (fotovoltaici, di emergenza, d’illuminazione e di sicurezza) e consumer (pile ricaricabili, alkaline, kit fotovoltaici, lampade portatili, telesoccorso, salvalavista etc.) con ampi cataloghi, i servizi offerti dall’azienda e le news.

ricaricabili vartaLa Varta AG è un’azienda tedesca nata nel 1904 sotto l’acronimo di AFA (Accumulatorenfabrik Aktiengesellschaft) che si è sempre occupata della realizzazione e produzione di batterie e accumulatori per l’esercito e l’aeronautica tedesca e negli anni si è specializzata nella produzione e commercializzazione di prodotti per ogni tipo di esigenza per professionisti o semplici consumatori, con una serie di batterie professionali, ricaricabili e con altri oggetti di uso domestico come torce per lavoro, per uso domestico e per i bambini.

L’azienda offre ai propri clienti una vasta gamma di caricabatterie specifici per il tipo di batteria da ricaricare, con la serie Professional, Power ed Easy Energy e il sito internet è: .Varta.consumer.it, dove è possibile visionare tutte le proposte e le soluzioni con prezzi vantaggiosi.

raccoglBatterie 2 bigIl consiglio principale è di prestare particolare attenzione alle prime ricariche, soprattutto per le batterie con effetto memoria e di sfruttare le batterie fino al minimo della carica, staccare sempre le batterie a carica effettuata per evitare sovraccarichi e per i portatili il consiglio è di non togliere mai la batteria quando si utilizza con la rete elettrica perché sbalzi di tensione o picchi possono danneggiare irreversibilmente il proprio portatile. 

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Fai da te
scrivi un commento
5 gennaio 2012 4 05 /01 /gennaio /2012 10:18

sting.jpgAltro capolavoro musicale cantato da Sting, Shape of my heart, di cui il video a seguire:

 


 
Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Varie ed eventuali
scrivi un commento
4 gennaio 2012 3 04 /01 /gennaio /2012 18:42

libro-beati-paoli.jpgSempre alla ricerca di un romanzo bello, interessante e coinvolgente come lo sono stati i due best sellers di Follet, “I Pilastri della terra” e “Mondo senza fine”, mi sono lasciato convincere da un amico a leggere “I Beati Paoli”, persuaso dalla bellezza di un romanzo tutto siciliano i cui protagonisti si aggirano tra le viscere di Palermo.

Ho approfittato del periodo natalizio per regalare il libro a mio cognato che mi ha guardato all’inizio un po’ male, sia per il peso del libro che per il titolo, ma dopo un po’ di tempo mi ha riferito che il libro è particolarmente bello e ne è rimasto molto soddisfatto.

Confortato da queste parole (anche se non avevo dubbi) ho intrapreso la lettura di oltre ottocento pagine, tra introduzione di Umberto Eco e note a fine libro.

beati paoli

Il libro, il cui autore, Luigi Natoli, mi era perfettamente sconosciuto, ha una copertina gialla in cartoncino, con una foto di due uomini incappucciati e un’altro senza cappuccio con capelli lunghi e occhi azzurri.

Il testo riportato è il seguente: “Tutte le seduzioni del romanzo storico immerse nella luce siciliana che rende più violenta la collera e più malinconica la felicità.

 

La trama:

Difficile parlare in generale della trama perchè molto intricata e particolare, quindi faccio una panoramica generale.

In groppa a un cavallo da contadino da collo magro, le gambe nodose e i fianchi ossuti, il giovane Blasco di Castiglione, temerario, spavaldo, cuore e testa calda, fa il suo ingresso a Palermo per conoscere le sue origini e il motivo del suo abbandono in tenera età.

simbolo beati paoliA Palermo, città in festa per l’arrivo in pompa magna del re, conoscerà diversi sentimenti quali la riconoscenza, l’amore, l’odio, la vendetta di gente disposta a tutto pur di avere riconoscenze, ricchezza e potere.

Uno di questi è don Raimondo della Motta che, pur di ottenere la corona ducale, ha commesso peccati e crimini, accompagnato dalla bellissima Donna Gabriella, che sa cosa vuol dire amare fino alla morte, da Matteo Lo Vecchio, fidato sbirro che con i suoi travestimenti imbroglia tutto e tutti, dalla figlia Violante, pura e bella ma timorosa e Coriolano della Floresta, misterioso, leale e saggio.

A incastonarsi a questi personaggi ci sono i Beati Paoli, una setta che si riunisce nelle catacombe della città e si fa giustizia da se.

 

I Beati Paoli:

beatipaoli

A introdurre il romanzo è Umberto Eco che tiene a precisare che il romanzo non va visto esclusivamente come un romanzo storico ma popolare, avendo alcune caratteristiche strutturali e ideologiche che lo rendono molto piacevole e sociologicamente attuale.

Ma chi furono in realtà i Beati Paoli? Buoni o cattivi?

A quanto sembra non si hanno fonti storiche su questa setta e ci sono tanti giudizi contrastanti fra loro.

Alcuni li chiamò “i vendicosi”, la cui origine è fatta risalire al 1185 e li rappresentò come “uomini scellerati”, giustizieri e sicari contemporaneamente, mentre il Natoli li descrive come componenti di una società segreta, vero e proprio tribunale di giustizia, protettrice dei più deboli e oppressi.

 

Dal libro:

“ I Beati Paoli apparivano ed erano, di fatto, come una forza di reazione, moderatrice: essi insorgevano per difendere, proteggere i deboli, impedire le ingiustizie e le violenze: erano uno Stato dentro lo Stato, formidabile perchè occulto, terribile perchè giudicava senza appello, puniva senza pietà, colpiva senza fallire. E nessuno conosceva i suoi giudici e gli esecutori di giustizia.

Essi parevano appartenere al mito più che alla realtà.

Erano dappertutto, udivano tutto, sapevano tutto, e nessuno sapeva dove fossero, dove s’adunassero. L’esercizio del loro ufficio di tutori e di vendicatori si palesava per mezzo di moniti, di lettere, che capitavano misteriosamente. L’uomo al quale giungevano sapeva di avere sospesa sul capo una condanna a morte.“

incappucciati

 

Di sicuro non si può associare questa setta alla mafia, ma è associato un sentimento mafioso per il modo di operare, ovvero facendosi giustizia da se dei torti ricevuti, scavalcando il potere della legge e non si conoscono i nomi dei membri che ne fecero parte, se non di alcuni.Alla fine, per mancanza delle fonti, si sa solo che questa setta è esistita realmente, ma no si conoscono le vere storie che oscillano tra la realtà e la leggenda.

 

Le mie considerazioni:

Romanzo, ambientato nel settecento che, nonostante la lunghezza, mi ha inchiodato alle sue pagine con quella voglia di arrivare fino alla fine, e che, una volta giunti agli ultimi capitoli, ho sperato non finisse davvero più.

Dire semplicemente che è un bel romanzo è molto riduttivo, lo definirei un capolavoro della letteratura italiana, paragonabile ai Promessi Sposi, ma a mio modestissimo avviso, di gran lunga superiore perché ambientato nel settecento, tra re, principi, cavalieri, dame, duchi, marchesi, sbirri e gente povera e soprattutto perchè si svolge interamente in Sicilia, dalla maestosa e magnifica Palermo a Messina, passando per Catania, Ustica, Agrigento e per una serie di paesi e paesini che conosco e degni di nota.

Palermo, ovviamente, è il luogo principale in cui si svolge l’intera vicenda, la cui città fu dimora del re Vittorio Amedeo e di tutta la sua Corte che, arrivata in città, fu accolta come i siciliani sanno fare.

beati paoli palermo

Una Palermo in cui i protagonisti si addentrano tra le varie viuzze e i vari monumenti che ancora si possono ammirare nella splendida città, dal Foro Italico ai Quattro Canti, scenario di molti episodi del racconto, dalla bellissima Cattedrale al Palazzo Reale; una città percorsa in lungo e in largo, oltre ai numerosi paesi citati tra cui la bellissima Bagheria con le sue ville maestose, Carini, con il suo famoso castello, Trabia, Castellamare del Golfo col suo castello inespugnabile e tanti altri paesini vicini al mio in cui abito.

 

libro-i-beati-paoli.jpg

Mi dispiace parecchio vedere che questo romanzo non ha riscontrato grande successo come per altri romanzi; sicuramente tra i palermitani è più difficile trovare qualcuno che non conosca i Beati Paoli o che abbia letto il libro, ma al di fuori di Palermo dubito che molti di voi lo conoscano, per cui v’invito a cercarlo e a leggerlo se siete amanti dei romanzi popolari che hanno quel tocco di thriller davvero affascinante e misterioso e della Sicilia in particolare.

 

 

Sembrano tantissime le circa 860 pagine del libro, ma vi assicuro che volano via in fretta senza nemmeno rendersene conto, tanto avvincente e particolare è la storia e tanto particolari e belli sono i personaggi narrati con abile maestria dal Natoli.

 

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Libri e letteratura
scrivi un commento