Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

26 dicembre 2011 1 26 /12 /dicembre /2011 11:09

Ilenia BasileMi piace iniziare questa rubrica ospitata nel blog di un caro amico parlando proprio di questa mia poesia “Ricordo Speciale”, il perché è molto semplice.

 Questa poesia nasce grazie a lui, ad un fine settimana di giugno che ha visto me stessa in modo diverso, che mi ha fatto vedere un amico in modo diverso, che mi ha fatto rendere conto che ce la potevo fare.


Ad andare avanti sempre e comunque grazie soprattutto all’affetto degli amici.
Non era un periodo facile per me, ma con la testardaggine che mi ha sempre contraddistinto sono andata avanti, ho mollato tutto e tutti e sono andata in un posto bellissimo della mia Sicilia, della mia Terra.
Non nego di aver avuto timore, ansia, paura, un’esperienza nuova ti stordisce sempre, ma dovevo farlo per sfida, per me stessa.
Cover Adoro i numeriHo toccato quella nuova Terra, anche se non era la prima che ci andassi con un’adrenalina che mi faceva tremare come una foglia, ma mi è bastato relativamente poco per tranquillizzarmi un po’, non è stato facile non lo nego, la pazienza di chi avevo vicino ha fatto il resto.
Sono stati pochissimi giorni ma che mi hanno dato tanto.
Mi hanno dato la certezza dell’amicizia, della riuscita della riscoperta.

 

È come essere rinata una seconda volta iniziando a camminare da sola, respirare a pieni polmoni.
Spero che in queste mie poche parole possa trasmettervi la voglia di vivere e di godere ogni attimo della nostra vita.

 

 

 

Ricordo speciale

Mi è bastato vederti per capire che eri diverso
Ho guardato con occhi diversi quello che mi circondava
Mi è bastato un attimo
Respirare un’aria che non era mia
Posare un piede in un posto che non è il mio terreno comune
Ho pensato subito che stavo per affrontare un percorso nuovo
Con le sue insidie e le sue novità
Ci ho messo un po’ per abituarmi
Tutto così irreale, tutto così “nuovo”
Che strano scoprire e conoscere
Conoscersi
 

Mi tremavano le gambe,
una foglia su un ramo sul punto di cadere
un alito di vento e sarei caduta del tutto
ma non potevo
voltavo il mio sguardo per captare il tuo
sapevo che avrei trovato quello che cercavo
un attimo di libertà
un attimo di dolcezza
un attimo per essere me stessa.

La strada si stagliava di fronte a me
Non era la prima volta,
ma forse si
Sarebbe stata comunque nuova
Era un’emozione mai vissuta
Che strano averla condivisa con te

Il mare alla mia destra mi dava sicurezza, certezza di riuscire
A fare cosa?
A essere me stessa, forse
A vivere, forse
A respirare senza alcuna costrizione
Quel mare di fronte a me
Quello scoglio alto, quell’isolotto lì da solo
In mezzo ad un scoglio alto 

Il volo dei gabbiani
Quel punto centrale del mare che fissavo in cerca di me stessa
E lassù, la nebbia che mi ha impedito di osservare quello che avevo sotto
Forse non è stato un caso
No, la nebbia viaggiava, lenta, lentissima, un po’ più veloce
Non guardare giù
Il passato e il presente
Il conosciuto e l’ignoto
L’ignoto davanti da me che non vedo bene
Il conosciuto che piano piano riuscirà a non farsi vedere più
Un’intrusa in terra straniera
L’imbarazzo e il non sentirsi adeguata
Adeguata a chi? A cosa?
 

Sei stata te stessa
Non hai indossato una maschera
Hai ricacciato indietro quelle lacrime per non farti vedere
Ma poi in fondo non ce l’hai fatta
Hai tolto la maschera
E sei stata te stessa
Hai avuto paura e ti persa nel silenzio
Sapevo che eri lì con me 
E in più occasioni mi hai dato il coraggio di affrontare senza remore
Senza paure
Senza timore

Ero io che volevo sembrare forte
Volevo far credere di non avere un cuore
Volevo sembrare fredda e calcolatrice
Forse ci sono riuscita e me ne pento
Poi ho ceduto e non lo sono stata più
E ora credo di aver sbagliato perché non ero più abituata
A sentire un cuore battere per un’emozione provata
A far vedere che sono diversa
Un intrusa è venuta a trovare la libertà
Se l’è portata
Con un ricordo speciale

 

La poesia è una delle tante presenti sul libro dell'autrice, Ilenia Basile, intitolato "Adoro i numeri", edito dalla Ciesse Edizioni della collana Blue, che si può acquistare al seguente indirizzo internet: 

.Ciessedizioni.it/adoroinumeri.html

 


Condividi post

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Libri e letteratura
scrivi un commento

commenti

berenice 12/27/2011 14:50

Bello esprimersi con una poesia, liberare le emozioni

Rosario (ilrepungente) 12/27/2011 15:01



Ciao e grazie per la visita al mio blog. :D



Ariel 12/27/2011 12:16

Davvero toccante.

Rosario (ilrepungente) 12/27/2011 12:20



:D