Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

15 luglio 2013 1 15 /07 /luglio /2013 08:00

isola di arturoQuesto libro mi è stato regalato per tamponare l’arrivo di un altro che aspettavo con ansia da Internet, ma che è arrivato dopo diversi giorni e non avrei mai pensato di leggere qualcosa del genere se non perché invogliato dalla curiosità di leggere una scrittrice molto rinomata.

Superato il primo scoglio della prefazione, c’è una dedica a Remo N. che non so chi sia, ma ve la riporto perchè l'ho trovata molto bella:


"Quella che tu credevi un piccolo punto della terra,
fu tutto.
E non sarà mai rubato quest'unico tesoro
Ai tuoi gelosi occhi dormienti.
Il tuo primo amore non sarà mai violato. Virginea s'era rinchiusa nella notte
Come una zingarella nel suo scialle nero.
Stella sospesa nel cielo boreale
Eterna: non la tocca nessuna insidia.
Giovinetti amici, più belli d'Alessandro e d'Eurialo,
per sempre belli, difendono il sonno del mio ragazzo.
L'insegna paurosa non varcherà mai la soglia
Di quella isoletta celeste.
E tu non saprai la legge
Ch'io, come tanti, imparo,
e a me ha spezzato il cuore:
fuori del limbo non v'è eliso."

 

Il libro è suddiviso in otto capitoli e a sua volta in paragrafi brevi e abbastanza veloci da leggere, per un totale di trecentosettantasette pagine caratterizzate da tanta fantasia, da vere e proprie pagine di sublime poesia e da emozionanti descrizioni.

La trama:
libro isola di arturoArturo Gerace, protagonista assoluto del romanzo e narratore in prima persona, è un bambino orfano di madre al momento della sua nascita, vive sull'isola di Procida e sin da piccolo è cresciuto da Silvestro che gli fa da balia e lo nutre con il latte di capra. Trascorre la sua infanzia sull'isola assieme all'inseparabile cagna Immacolatella e vive sempre nell'attesa che ritorni il padre di cui è follemente innamorato, considerandolo un eroe delle sue fiabe e un mito d'altri tempi.
Il padre Wilhelm è un uomo disinteressato al figlio e sempre in viaggio con gli amici tornando sull'isola attratto forse come una calamita dall'isola stessa e non dal figlio che al contrario gli vuole un mondo di bene e lo stima più di se stesso.
Arturo quindi cresce senza gli affetti dei genitori e con tutte quelle libertà che un ragazzino può permettersi non andando a scuola e vivendo in solitudine.
Buona parte del carattere di Arturo si forma sulle orme del padre, un uomo severo e che ignora tutto e tutti perchè ritiene che l'unico suo grande amico che gli ha lasciato in eredità la "casa dei Guaglioni" è morto.
Dal libro riporto queste parole per rendere un'idea dell'attaccamento di Arturo verso il padre:

"Avrei voluto che mio padre mi desse un bacio, sia pure senza svegliarsi del tutto, nella confusione del sonno, e per isbaglio; o, almeno, avrei voluto io dargli un bacio; ma non osavo. Accovacciato, come un gatto, ai suoi piedi, lo guardavo dormire. Perfino il suono sommesso del suo respiro, o del suo russare, mi pareva prezioso ad ascoltarsi, giacché era ancora una testimonianza della sua fugace presenza sull'isola; di questo suo soggiorno da me perduto e che ormai finiva, ne ero certo."

 

La vita di Arturo cambia quando il padre porta sull'isola la giovane sposa Nunziatella di appena sedici anni che abbandona a Procida in compagnia di Arturo e che nelle rare visite del padre rimane incinta.
Arturo verso la nuova matrigna inizialmente prova un sentimento di forte gelosia perchè ritiene Nunziatella responsabile del distacco del padre verso il figlio, ma in seguito s’innamora perdutamente della matrigna a tal punto da farlo andare via da quell'isola che altrimenti non avrebbe mai avuto il coraggio di abbandonare.

L'autrice:

elsa moranteElsa Morante, nata a Roma nel 1912, dopo aver esordito con i racconti di "Il gioco segreto" (1941), e dopo il matrimonio con Alberto Moravia, si dedicò alla costruzione di un grande romanzo familiare. L'opera, Menzogna e sortilegio (1948), uscì in piena era neorealista, ma è assolutamente irriducibile ai modelli del neorealismo letterario.
In seguito Elsa Morante pubblicò pochissimi libri, tutti accompagnati da un lungo e complesso lavorio linguistico e tutti capaci di concentrare realtà e magia in simboli ad alta densità. Giustamente famoso è anzitutto "L'isola di Arturo", pubblicato da Einaudi nel 1957 (nell'agosto dello stesso anno vinse il Premio Strega) cui seguono i racconti di "Lo scialle andaluso" (1963) che riprendono testi scritti fra gli anni Trenta e Cinquanta.
Di grande rilievo è anche "La Storia" (1974), che suscitò un violento dibattito per il suo radicale pessimismo, mentre con l'ultimo romanzo, "Aracoeli" (1982), la scrittrice approdò a una visione del mondo sconsolata. Si ricordano inoltre le poesie di "Il mondo salvato dai ragazzini" (1968) e i saggi di "Pro o contro la bomba atomica" (1987).

Considerazioni personali:
Ho tralasciato di raccontare molti particolari della trama perchè svelarla adesso, sarebbe deleterio per chi vuole intraprendere la lettura di questo bel romanzo.
Come dicevo il romanzo è ambientato nell'isola di Procida al tempo della seconda guerra mondiale e durante la lettura s’incontrano espressioni o frasi in dialetto napoletano che rendono il romanzo divertente da leggere e le parole non sono di difficile comprensione.
Dell'isola se ne fa una descrizione ampia, anche se i luoghi principali in cui si svolge il romanzo sono pochi, dalla casa dei Guaglioni alla spiaggia, senza mai allontanarsi da questi posti.
procidaDella casa se ne ha un'ampia descrizione e in alcuni casi sembra che il lettore sia proiettato all'interno di quelle mura a partecipare dal vivo ai loro discorsi.
Come dicevo ci sono sprazzi di poesia che possiamo notare in alcune discussioni tra padre e figlio e che evidenziano il lato solitario e snob del padre:

"Quando venni qua a Procida la prima volta, mi accorsi subito (e del resto lo sapevo anche prima di sbarcare), che questa, per me, era un'isola deserta! Ho accettato di chiamarmi Gerace, perchè un nome ne vale un'altro. Lo dice pure una poesia, di quelle che le ragazze scrivono sull'album dei pensieri:
"Che importa il nome? Chiama pur la rosa con altro nome: avrà men dolce odore?

Durante la narrazione della giovinezza di Arturo si evincono diverse fasi, dalla solitudine alla felicità, all'amore odio verso la matrigna, dalla gelosia all’innamoramento, con una serie di atteggiamenti e ripensamenti tipici di un'infanzia vissuta senza l'affetto dei genitori o degli amici.

"Uscivo, e mi pareva che tutti in terra non facessero altro che baciarsi: le barche, legate vicine lungo l'orlo della spiaggia, si baciavano! Il movimento del mare era un bacio, che correva verso l'isola; le pecore brucando baciavano il terreno; l'aria in mezzo alle foglie e all'erba era un lamento di baci. Perfino le nubi, in cielo, si bciavano!"

Molto bello ed espressivo il paragrafo che parla del più grande amico di Arturo, il proprio cane Immacolatella, fedele compagno di giochi e amico complice e divertente.

"Si dirà: parlare tanto di una cagna! Ma io, quand'ero un ragazzino, non avevo altri compagni che lei, e non si può negare che era straordinaria. Per conversare con me, aveva inventato una specie di linguaggio dei muti: con la coda, con gli occhi, con le sue pose, e molte note diverse della sua voce, sapeva dirmi ogni suo pensiero; e io la capivo.
Pur essendo una femmina, amava l'audacia e l'avventura: nuotava con me, e in barca mi faceva da timoniere, abbaiando quando c'erano ostacoli in vista. Mi seguiva sempre, quand'io giravo per l'isola, e ogni giorno, ritornando con me sui viottoli e nelle campagne già percorsi mille volte, s'infervorava, come se fossimo due pionieri in terre inesplorate. Quando, attraversato il piccolo stretto, sbarcavamo nell'isoletta deserta di Vivara, che è a pochi metri da Procida, i conigli selvatici fuggivano al nostro arrivo, credendo ch'io fossi un cacciatore col suo cane da caccia. E lei li inseguiva un poco, per il gusto di correre, e poi tornava indietro da me, contenta di essere una pastora.
Aveva molti innamorati, ma fino all'età di otto anni non fu mai incinta."

 

In definitiva, continuando nella lettura del libro ho provato una forma di affetto verso il protagonista che mi ha tenuto incollato alle pagine di questo libro rievocando in me pensieri di un'infanzia ormai lontana e, essendo la prima volta che leggo un libro della Morante, non posso non negare che ritornerò volentieri a leggere e raccontarvi qualche altro suo romanzo. 

Condividi post

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Libri e letteratura
scrivi un commento

commenti

anna 07/16/2013 20:46

deve essere davvero bellissimo questo libro.

Cristina 07/16/2013 18:34

Da come ne parli è un libro notevole.

giusy 07/16/2013 17:27

stupendo questo libro.....impossibile per gli amanti della lettura lasciarselo sfuggire...struggente e passionale come solo la morante sa scrivere!
l'ho letto anni fa e mi ha fatto piacere rispolverarlo con te!

chicca 07/16/2013 08:19

devo essere sincera, che mi ricordi,non ho mai letto un libro della Morante anche se è davvero famosa!
MI ha molto presa la lettura del tuo post, sembra un libro molto interessante sia per le parole che per la trama.

tropy 07/16/2013 01:07

un libro che rimarrà sempre nel mio cuore, insieme a tutti i personaggi...l'ho letto con piacere tante volte e ancora lo leggerò