Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

12 gennaio 2012 4 12 /01 /gennaio /2012 14:25


copertina coriolanoCoriolano della Floresta, il libro che sto per presentarvi, l'ho trovato in libreria da Flaccovio (che poi è la casa editrice del libro), proprio dopo aver terminato di leggere i Beati Paoli di Luigi Natoli e l'ho acquistato senza nemmeno pensarci su, desideroso di leggere il seguito degli "amici" Blasco di Castiglione e Coriolano della Floresta e l'evolversi delle loro vicende a una cifra irrisoria, poiché si tratta di oltre mille pagine (ho speso appena 19,50Euro).
Il libro, come il precedente, ha la copertina gialla con raffigurati degli uomini incappucciati e attorno ad un tavolino con un libro aperto e un crocifisso che stanno interrogando un nobile, mentre nella parte centrale la seguente scritta:
"Dalle scalinate romane di Trinità dei Monti alle stradine di Napoli, dai boschi siciliani ai sotterranei e ai palazzi di Palermo continua la saga dei Beati Paoli."
Il libro comincia con un'interessantissima e necessaria introduzione di Rosario La Duca che ci delucida e anticipa le vicende storiche narrate nel romanzo, per nulla noiose e che rendono ancora più completa e affascinante tutta la trama.
Un mio consiglio è di leggere per primo il romanzo dei Beati Paoli, giusto per dare una corretta cronologia a tutta la storia, ma è anche possibile non farlo poiché il romanzo è abbastanza slegato dal primo e in ogni caso ci sono le note alla fine del libro che aiutano a chiarire alcuni personaggi e le loro storie.
Nelle note ci sono anche interessanti informazioni riguardo ad alcune frasi tipiche siciliane, oltre che a una breve descrizione di alcuni luoghi che caratterizzano Palermo e le sue meraviglie.

La trama:
copertina 2Non è facile parlare della trama di questo romanzo perché svelerei troppe cose, per cui mi limito a una trama rapida e poco approfondita.
Protagonista del romanzo è Cesare Brancaleone, un giovane valoroso e di origini sconosciute che s'innamora della bella Giovanna Oxorio, una fanciulla nobile che farà viaggiare Cesare da Roma a Napoli, per poi scendere in quella Sicilia settecentesca, affascinante e misteriosa, spinto dalla passione e dall'amore eterno.
Ed è proprio a Palermo che si sviluppa quasi tutta la vicenda, quella Palermo tanto amata dall'autore, una città in netto contrasto, dove regna lo sfarzo delle potenti famiglie nobili, con i loro palazzi e le loro carrozze sfarzose e con la miseria più assoluta fatta di case povere e carena di cibo.
Come in tutte le storie d'amore in apparenza impossibili ci sono i buoni e i cattivi, quelli favorevoli a questo matrimonio e quelli che faranno di tutto pur di non vedere trionfare l'amore sincero.
E saranno proprio quei Beati Paoli, la misteriosa setta degli uomini con il cappuccio, i cosiddetti "vendicosi", a proteggere i due giovani contro la famiglia Oxorio che è capace di tutto pur di non dare la propria figlia in sposa a un giovane di non eguale nobiltà.
I Beati Paoli, nuovamente riunitisi dopo cinquanta anni, prendono a cuore questa storia e cercheranno di proteggere i due giovani e una città, la bellissima Palermo, oppressa dai nobili che controllano il mercato dei beni di prima necessità per arricchirsi alle spalle del popolino che può ben poco per far sentire il proprio urlo di disperazione.

Le mie considerazioni:
coriolano della florestaUn romanzo per me bellissimo, affascinante, interessante, una storia d'amore di altri tempi, una narrazione impeccabile, ipnotica, che tiene legato il lettore sin dalle prime pagine.
Vi è mai capitato di avere per le mani un "mattone" di oltre mille pagine e pensare: "Non ci riuscirò mai a leggerlo", "speriamo di finirlo entro il prossimo anno" e via discorrendo?
E quando state per giungere agli ultimi capitoli, alle ultime pagine di pensare: "speriamo che non finisca, speriamo che ci sia un seguito".
Beh, questo e altro ancora è ciò che ho provato nel leggere queste meravigliose pagine che scorrevano tra le mie dita come un fiume in piena, carico di emozioni, di colpi di scena, di storie popolari e di luoghi incantevoli in cui è facile impersonarsi nel protagonista della storia.
Come vi dicevo siamo di fronte ad una storia d'amore tra due giovani magistralmente raccontata, un amore fatto di sguardi, di sorrisi, d'inchini, di parole e promesse dettate con il cuore in mano, di un amore puro e sincero che oggi sembra impensabile e irreale.
luigi-natolidipinto-fi-f-camarda1934.jpgLa storia si sposta da Trinità dei Monti a Roma, dove Cesare conosce e corteggia appassionatamente la bella Giovanna passando per le stradine di Napoli, una città viva, fatta di grandi signori, ma anche di gente comune, verace, servizievole, generosa, la cui bontà d'animo fa superare ogni piccolo e grande ostacolo.
Molto simpatici e coloriti i personaggi che Cesare, il nostro protagonista, incontra per le strade partenopee, gente che per un "tarì" dato da un nobile o un cavaliere si mette subito a disposizione.
Luigi Natoli è pazzo della bellissima Palermo e con il suo romanzo ne esalta le bellezze, fa paragoni assurdi e azzardati con altre città d'arte, ci descrive ogni viuzza, ogni monumento, ogni luogo con una tale precisione e accuratezza che per un palermitano è uno spettacolo ritrovarsi quegli stessi luoghi che ancora oggi persistono e sono visibili in giro per la città(ovviamente è inutile rilevare che ogni città è bella di suo e non confrontabile con le altre).


Durante la narrazione non ho riscontrato mai una parte noiosa, lenta, tutto scorre alla perfezione, senza alcun intoppo, i colpi di scena sono frequenti, le emozioni pure, i personaggi curiosi ed interessanti non mancano e le trame s'intrecciano e si slegano molto fluidamente.
Coriolano 1Cesare è un tipo tosto, valoroso e impavido e attorno a lui ruotano amore, odio, fratellanza, amicizia profonda, incomprensioni legate alla mentalità a tratti ottusa e plagiabile della gente potente, spie, assassini e povera gente dal cuore grande.
E nei luoghi più impensabili, nascosti da tutto e da tutti, ma in grado di tessere una tela grande quanto tutta la città con pochi adepti, agiscono in gran segreto e con i loro codici i famosi Beati Paoli, quegli uomini incappucciati e misteriosi che sanno tutto e che sono pronti a sacrificare chiunque per il bene del popolo e degli oppressi, quella setta che molti credono sparita nel nulla, ma di cui hanno paura di nominare.

Un romanzo che non può mancare in una libreria che si rispetti, qualcosa di cui un siciliano non può e non deve farne a meno, un racconto che oserei paragonare come bellezza e come emozioni ai Promessi Sposi, anche se, per ragioni a me inspiegabili, non ha avuto la stessa fama e la stessa visibilità.
Senza aver letto I Beati Paoli, difficilmente sarei rimasto catturato da questo libro dal titolo alquanto bizzarro e di difficile pronuncia, perdendomi una storia in cui ci si trova tra castelli, regine, re, cavalieri, duchi, contesse, carrozze e palazzi magnifici, cortigiani, pretori, medici e gente comune che vive di sacrifici e stenti quotidiani.
Con questo romanzo termina, ahimè, la saga dei Beati Paoli, due romanzi che custodisco gelosamente nella mia piccola libreria e che consiglio vivamente a tutti di leggere.

Condividi post

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Libri e letteratura
scrivi un commento

commenti

Letizia 01/14/2012 16:37

E' stato un piacere leggere questo post! Ciao da Letizia!

Rosario (ilrepungente) 01/14/2012 17:05



Mi fa molto piacere. :D



Tiziana 01/13/2012 19:12

Il modo di scrivere dell'autore fa molto in certi casi, nel senso che un libro del genere se scritto in maniera scorrevole e intrigante potrebbe piacere pure a me che di solito amo i thriller.

Rosario (ilrepungente) 01/13/2012 19:14



Io adoro i thriller, ma questo romanzo comprende un po' di tutto e se ti piace un po' di mistero...lo trovi in questo libro. :D



Cristina 01/13/2012 18:05

Un romanzo presentato benissimo. Complimenti

Monica C. 01/13/2012 17:08

mi incuriosisce, ha una trama intrigante...

Rosario (ilrepungente) 01/13/2012 18:14



Ti consiglio di leggere prima I Beato Paoli. :D



Manu 01/13/2012 12:31

la descrizione di questo libro mi ha molto incuriosito anche perché è il genere che piace a me. Lo acquisterò presto.