Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

26 novembre 2012 1 26 /11 /novembre /2012 18:26

piante aromatiche3Fare soldi con le piante officinali? Si può. In un periodo storico caratterizzato da grande incertezza economica, crisi e disoccupazione giovanile in costante aumento non è semplice parlare di metodi e soluzioni per fare business.

Tanto meno, l'espressione "fare soldi" del titolo, non vuole essere riduttiva o indurre a semplici conclusioni. Aprire un vivaio e creare un'attività commerciale per la coltivazione e la vendita di piante officinali e aromatiche infatti è difficile, tanto quanto, se non di più, rispetto a molti altri settori di mercato.

Quello che differenzia questa nicchia di mercato, sicuramente, sono le prospettive di crescita e le possibilità di avere successo. Innanzitutto bisogna considerare il fatto che il 70% delle erbe aromatiche e officinali che ogni anno vengono utilizzate nel nostro paese sono importate dall'estero.

Inconcepibile se si considera che l'Italia presenta una varietà geografica e climatica invidiabile per questo tipo di attività. Una condizione che da sola basterebbe a giustificare gli investimenti nel settore.

piante aromatiche1Le piante officinali entrano quotidianamente nelle nostre abitazioni. Sotto forma di prodotti per la casa e la cucina come il rosmarino o l'origano, come elementi per la cura del corpo e la bellezza, dai saponi ai profumi alle creme idratanti. Per non dimenticare tutte le varietà utilizzate dall'industria farmaceutica per la produzione di medicinali o venduti in erboristeria.

Le prospettive quindi sono interessanti anche in virtù della riscoperta generalizzata dei concetti di naturalità e genuinità e che ha portato negli ultimi anni ad un incremento nell'utilizzo di prodotti di origine naturale o provenienti da coltivazioni biologiche. Ma cosa fare per avviare una coltivazione di piante officinali? Prima di tutto informarsi e raccogliere tutte le informazioni necessarie per capire quali sono le specie che crescono spontaneamente nel posto in cui si decide di avviare la propria attività.

Ogni varietà infatti presenta caratteristiche differenti e richiede terreni, irrigazione e cure che variano a seconda del luogo geografico e delle temperature. La fase conoscitiva non si conclude all'indagine sulle varietà ma deve scendere in profondità andando a raccogliere informazioni di marketing vero e proprio come le essenze più richieste nella zona, le quantità da produrre in base alle variazioni della domanda nei periodi dell'anno.

L'azienda

piante aromatiche2Nell'immaginario comune dedicarsi all'agricoltura non è un'attività redditizia. Beh, non è propriamente così e la coltivazione di piante medicinali ne è il miglior esempio dato che è una delle nicchie in grado di garantire, potenzialmente, margini di guadagno elevato anche in caso di colture poco estese (due o tre ettari).

Le caratteristiche pedologiche dei terreni su cui andremo a produrre le coltivazioni sono alla base del successo della nostra coltivazione. Dal punto di vista operativo, quella agricola, come ogni tipologia aziendale richiede un buon mix di competenze a livello amministrativo che a livello pratico, come agronomi e operai che si possano occupare delle attività colturali.

Tra le cose da tenere ben presenti vi sono i diversi costi fissi, ch, a seconda delle circostanze è necessario sostenere: dall’acquisto di beni e attrezzature come ad esempio la creazione di una serra per proteggere le essenze più delicate dal gelo o da fattori esterni, l’acquisto di macchinari specifici a seconda delle coltivazioni, come trattori, macchine raccoglitrici, pressatrici e confezionatrici.

Piante aromatichebisPer non parlare poi di quelle tipologie imprenditoriali che oltre alla coltivazione si occupano anche della produzione diretta degli oli e che necessitano quindi di appositi distillatori. Il panorama quindi è molto variegato e come anticipato occorre spendere del tempo nella ricerca di tutte le informazioni necessarie.

 

Fortunatamente, per chi volesse intraprendere questo tipo di attività non mancano i corsi o manuali per avviare un'impresa agricola di piante medicinali.

A conferma dell’interesse crescente per questo tipo di coltivazioni esiste da tempo una Federazione Italiana Produttori di Piante Officinali, FIPPO, che offre informazioni e corsi di formazione per chiunque voglia intraprendere questa nuova opportunità di business.

Condividi post

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Varie ed eventuali
scrivi un commento

commenti

nicoletta manunta 02/11/2015 16:45

Essere aiutata anche come indirizzo per migliori chiarimenti

Roberto 10/29/2014 15:57

vivo nel sud del portogallo per la precisione in algave nella serra de calderão vorrei coltivre piante officinali per poi venderle nel mercato italiano pensate che ci sia la possibilita' di guadagno in questo settore?

Cristina 01/21/2013 17:32

Interessantissimo articolo, complimenti ^______^

Rosario (ilrepungente) 01/21/2013 18:50



Grazieeeeee. :D



Mara 12/14/2012 22:27

buon fine settimana

Rosario (ilrepungente) 12/14/2012 22:29



Grazie, anche a te. :D 



mara 12/07/2012 00:35

Sai che anche io avevo pensato a Laura anche se mi dice sempre che ha il pollice nero...

Rosario (ilrepungente) 12/07/2012 08:22



Beh, anche io ce l'ho nero......martellata......:P