Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

13 luglio 2012 5 13 /07 /luglio /2012 07:15

cracovia 2012 Durante il mio splendido viaggio in Polonia e in particolare a Cracovia ho fatto tappa ad Auschwitz, un dei tre principali campi di concentramento tedeschi, comprendente anche il campo di sterminio di Birkenau e dal 1979 è diventato patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Il campo di concentramento si trova a circa un’ora e mezza dal centro di Cracovia con l’autobus privato, mentre con l’autobus di linea circa due ore e l’ho raggiunto in una giornata umida e grigia, proprio come il mio umore, sapendo che ciò che avrei visto mi avrebbe segnato il cuore per sempre.

Giunto a destinazione ho varcato un cancello laterale che conduce nella zona della biglietteria per l’acquisto delle audio guide o per prenotare una visita con una guida in italiano; abbiamo optato per la visita guidata, sia per il costo irrisorio (circa dieci euro a persona), sia per la mancanza di audio guide in lingua italiana.


All’appuntamento eravamo una quindicina di persone e a condurci attraverso i vari edifici del complesso è stata una donna matura che con la voce seria, triste e a tratti spezzata dalla commozione ci ha raccontato l’incredibile quanto assurdo svolgimento dei fatti e tutte le brutalità avvenute all’interno di quel campo di concentramento che è stato erroneamente chiamato da Obama come campo di concentramento polacco e ha suscitato le ire di tutta una nazione che non ha mai ricevuto le dovute scuse.

L’ingresso avviene da un cancello che in alto riporta una cinica scritta in ferro battuto “Arbeit macht frei” che tradotto significa “Il lavoro rende liberi” e fu realizzata da un fabbro che ha voluto saldare la lettera b al contrario come segno di protesta e perché aveva capito il vero significato di Auschwitz e intuito ciò che sarebbe accaduto li dentro.

cracovia 2012 159L’interno è molto freddo, con dei viali circondati da doppie palificazioni elettriche per evitare che qualche detenuto potesse scappare e rivelare al mondo intero ciò che avveniva dentro Auschwitz e per ogni viale ci sono decine di edifici numerati, chiamati Block, ognuno dei quali svolgeva una particolare funzione e ospitava le donne e gli uomini separati da mura che dividevano in due il campo per evitare che i due gruppi potessero incontrarsi oppure ebrei che erano affetti da malattie contagiose o dalle famiglie di zingari deportati.

L’affluenza di persone che visitavano il sito era tantissima, con molti turisti provenienti da tutte le parti del’Europa e ciò che più mi ha colpito è stato l’elevato numero di scolaresche e di scuole, provenienti perlopiù dalla vicina Germania e dalla stessa Polonia per mostrare loro la Storia e poterla osservare da vicino per non dimenticare. La guida continuava a parlare con un ritmo cadenzato, sofferente, come se anche lei avesse vissuto da vicino quei tristi avvenimenti e ogni sua parola era un graffio al cuore, cercando vagamente di immaginare le scene, aiutati dalle varie foto appese alle pareti, ma l’immaginazione, in questi casi, è davvero nulla in confronto a ciò che hanno provato milioni di ebrei, costretti a vivere in condizioni disumane, dentro celle 90 di centimetri quadrati, in quattro persone e senza potersi coricare per notti intere, ignari del proprio destino e puniti per colpe che non avevano.

cracovia 2012 141Abbiamo seguito con la guida un percorso sommario, visitando gli edifici più significativi, un percorso chiamato “Droga Smierci”, la via della morte, attraverso stanze contenenti tutto ciò che i nazisti non sono riusciti a celare, tra occhiali, valigie, scarpe di grandi e bambini, accessori per l’igiene (spazzole, rasoi, creme etc.) perché illusi dai nazisti e ignari di dover andare incontro alla morte.

Gente che in inverno era costretta a dormire in ricoveri freddi, umidi, in una terra che in inverno tocca punte di meno venti gradi sotto lo zero, senza un minimo di privacy, trattati peggio delle bestie e costretti a lavorare e a subire le angherie di gente senza un briciolo di umanità, guidati solo da un progetto assurdo e incomprensibile.

I momenti di commozione e di imbarazzante silenzio sono stati tanti, molti i particolari, dalla bambola della bambina alla valigia in cartone, dalle scarpe ammassate alle scatole contenenti il Cyclone B, il terribile gas utilizzato per lo sterminio di massa che facevano riflettere e lasciavano interdetti, a bocca aperta.

cracovia 2012 148Il giro è durato tanto, circa tre ore e mezza, passando per le prigioni, per il luogo in cui venivano fucilati o impiccati davanti a tutti gli ebrei che avevano commesso dei reati e per gli edifici più significativi, al termine del quale abbiamo aspettato gli autobus che ci hanno condotto nell’altro campo di concentramento, Birkenau, a circa dieci minuti di strada (tre chilometri di distanza), un complesso nato come campo per i prigionieri di guerra russi e trasformato in campo di sterminio che vide la morte di circa un milione di persone.

A differenza di Auschwitz, Birkenau presenta moltissimi edifici e capannoni distrutti dai nazisti che hanno cercato di cancellare le prove di quella assurda storia ed è tagliato in due dalla linea ferroviaria utilizzata per il trasporto degli ebrei e il loro smistamento nei vari campi di concentramento per lavorare o per andare incontro alla morte, nel caso dei non abili al lavoro.

Sulla parte sinistra si trovano gli edifici realizzati in muratura, mentre a destra dei capannoni realizzati in legno, simili a delle stalle, ospitanti sia persone che cavalli utilizzati per il lavoro nei campi e si notano molti edifici distrutti e rasi al suolo. Molto significativo un vagone merci che sosta sui binari e utilizzato per il trasporto delle persone che erano ammassate al loro interno senza finestre, con l’aria scarsa e al buio, lasciato come ricordo e in cui si trovano poggiate delle pietre che gli ebrei utilizzavano per commemorare i defunti e simbolo di un amore che dura in eterno, proprio come una pietra.

cracovia 2012 169Il giro a Birkenau è durato circa un’ora, accompagnati dalla stessa guida che ci ha illustrato le varie fasi e raccontato tutti gli episodi più cruenti e le condizioni in cui gravavano le persone ridotte in uno stato disumano, al freddo e al gelo, costretti a lavorare duramente e senza mai disobbedire e, in mancanza di lavoro, a scavare buche e a ricoprirle senza alcuna ragione se non quella di lavorare.

I due campi di concentramento sono stati visitati da numerosissime persone celebri, compresi il papa, Giovanni Paolo Secondo e Benedetto XVI che, durante la loro visita, hanno pregato nella cella dove fu prigioniero Massimiliano Kolbe, il francescano che si offrì volontario a sostituire un padre di famiglia destinato nel bunker della fame ad Auschwitz.

Questa e tantissime altre storie sono raccontate dalle varie guide durante il percorso ed è possibile anche partecipare a visite guidate di una giornata intera in cui si possono visionare documenti contenenti i nomi e molto altro ancora per studio o per semplice curiosità.

L’esperienza è stata toccante, commovente, giravo con un continuo nodo in gola per ogni passo, ogni edificio e ogni strada percorsa, lasciandomi dentro un ricordo indelebile, impossibile da dimenticare, per cui consiglio a tutti, almeno una volta nella vita, di visitare Auschwitz e osservare e toccare con mano la storia della tragedia avvenuta all’interno di quelle tristi e sanguinolenti mura.

Condividi post

Repost 0
Published by Rosario (ilrepungente) - in Viaggi
scrivi un commento

commenti

manu 07/15/2012 21:26

deve essere una esperienza toccante e di una tristezza infinita a quello che queste povere persone hanno dovuto patire...

Cristina 07/15/2012 21:21

Un'esperienza che lascia il segno. Immagino lo scorrere di emozioni che ti hanno accompagnato durante questa visita.

elena 07/14/2012 15:12

per non dimenticare...

Rosario (ilrepungente) 07/14/2012 15:12



Grazie Ele. :D



Letizia 07/14/2012 15:09

toccante articolo; grazie mille per aver condiviso questa esperienza.
Buon fine settimana!

Rosario (ilrepungente) 07/14/2012 15:10



Grazie a te per la lettura. Buon we anche a te. :D



Tiziana 07/13/2012 19:10

Il tuo racconto è stato toccante, queste cose lasciano dentro tanta amarezza, indignazione, sofferenza e anche paura, per come la barbarie umana possa toccare vette di pazzia e delirio
d'onnipotenza. Speriamo non succeda mai più nulla di simile.

Rosario (ilrepungente) 07/13/2012 21:21



Speriamo si, ma la vedo dura....:(