Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • Blog di cactus, acquisti, news e molto altro...
  • : Blog con consigli pratici, sport e attrezzature sportive, ricette siciliane, consigli per gli acquisti, notizie di attualità, eventi, sagre, fiere, feste regionali e una sezione dedicata al mondo dei cactus, alla loro coltivazione e tante altre curiosità e informazioni utili.
  • Contatti

Profilo

  • Rosario (ilrepungente)
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.
  • Impiegato informatico e folle appassionato di cactus, delle loro spine, dei fiori, delle loro forme, ma anche di succulente e di piante in generale. Tra le mie altre passioni ci sono la lettura, la musica, i viaggi, il cinema, ma tante altre ancora.

Seguimi su Twitter

Logo-Twittergrey

Cerca

4 febbraio 2015 3 04 /02 /febbraio /2015 10:50

Nel mese di settembre ho avuto la necessità di rivestire la scala della mia abitazione con un materiale resistente, duraturo e, stufo del solito marmo, sono andato alla ricerca di qualcosa di particolare facendo un giro tra i vari marmisti della zona per vedere cosa offre questo mercato in continuo cambiamento.

Sono stato da diversi marmisti, ho toccato con mano e confrontato il loro materiale offerto e mi sono fatto fare alcuni preventivi per diversi tipi di pietra, tra cui la grafite, la quarzite, la pietra blu del Belgio e la pietra lavica, facendomi una cultura sulle diverse caratteristiche di queste particolari e innovative pietre.

Alla fine, su consiglio di molti, ho scelto la pietra lavica dell’Etna, un materiale dalle caratteristiche uniche: durevole, facile da lavare, resistente agli sbalzi termici, al calore, al carico di rottura, alle macchie, all’usura e, trattandosi di una pietra dura, si presta facilmente a innumerevoli utilizzi.

Chi mi ha offerto il miglior rapporto qualità prezzo è stata la ditta Noto Marmi, una piccola realtà a conduzione familiare con un’esperienza quarantennale nella lavorazione di marmo, granito, pietra arenaria e di materiali di ultima generazione quali il quarzo, l’okite e pietra lavica.

La ditta opera su tutto il territorio, realizzando opere per l’edilizia, l’arte sacra e le abitazioni civili e le attività commerciali, si trova a Partinico ed è facilmente raggiungibile, offrendo ai propri clienti soluzioni innovative, competenza, professionalità, serietà ,disponibilità e cortesia.

Tra le tante opere realizzate si trovano scale, camini, barbecue, top per cucine e bagni, greche, pavimentazioni e molto altro, con realizzazioni originali e personalizzate in grado di soddisfare i gusti e le necessità dei propri clienti.

Il titolare della ditta, un ragazzo giovane e di larghe vedute, mi ha seguito e consigliato, guidarmi passo dopo passo in tutti i processi per la realizzazione di una scala in pietra lavica, caratterizzata da un inserto in acciaio inox satinato che ha incastonato nei gradini, rendendo la scala moderna ed elegante.

Non ho avuto nessun problema di consegna del materiale, i ragazzi sono stati puntualissimi e tutte le lastre erano senza alcun difetto e si sono sempre messi a disposizione per ogni eventuale modifica da me richiesta, senza spese aggiuntive.

In definitiva ho ricevuto un trattamento impeccabile e per lavoretti successivi ho ottenuto sempre un prezzo onesto e altamente concorrenziale, per cui consiglio a tutti di fare un salto in ditta per verificare come lavorano e con che passione realizzano le loro opere.

Per contattare la ditta Noto Marmi si può visitare il sito internet, in cui sono presenti i contatti del titolare, inviare una email oppure visitare direttamente la ditta in loco che si trova a Partinico (PA) in Via Riccardo Wagner al numero 42, aperti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.

Scala in pietra lavica
Scala in pietra lavica
Scala in pietra lavica

Scala in pietra lavica

24 novembre 2014 1 24 /11 /novembre /2014 09:00

Radersi la barba per molti uomini spesso è una scocciatura e non è sempre facile trovare il rasoio adatto alle nostre esigenze e al tipo di pelle, soprattutto se è delicata e soggetta ad arrossamenti durante e dopo la rasatura.

Da quando ho cominciato a radermi ho provato tantissimi tipi di rasoio e marchi differenti e posso dire per esperienza diretta che per me rasatura è sinonimo di Braun e in particolare di tutti i loro prodotti con testina a lamina.

Grazie a Trnd ho avuto la fortuna di provare il rasoio elettrico Braun WaterFlex modello WF2s blue e ho ricevuto un graditissimo pacchetto contenente la confezione con il rasoio elettrico contenente il manuale d’uso, l’alimentatore, una spazzolina per la pulizia e un cappuccio di plastica per proteggere la testina, un gel da barba Gillette Series per pelli sensibili (200ml) e venticinque buoni sconto per l’acquisto del rasoio sul sito ufficiale da distribuire a parenti e amici.

Si tratta di un rasoio bello esteticamente, leggero, facile da utilizzare, con un'ottima impugnatura, potente e in grado di radere senza lasciare segni di arrossamento e una pelle morbida e liscia al tatto: infatti, è stato approvato dalla AIDECO, l’associazione italiana dermatologi e cosmetologi.

Il rasoio è caratterizzato da un corpo robusto, un’impugnatura stabile, grazie al rivestimento antiscivolo in gomma e da una testina a lamina flessibile facilmente rimovibile attraverso due pulsanti posti ai lati della testina, utilizzabile sia a secco sia sotto la doccia, con la schiuma da barba o con un gel per la rasatura.

La potenza del rasoio è stata la prima cosa che mi ha impressionato positivamente, infatti, la rasatura, è molto più veloce rispetto ad altri prodotti dello stesso marchio, il rasoio non si surriscalda durante la rasatura e non lascia antiestetici e a volte fastidiosi segni di arrossamento sulla pelle.

Anche con la rasatura utilizzando il gel da barba i risultati sono stati sorprendenti; il rasoio scivola delicatamente sul viso e al termine la pelle è morbida e liscia, senza alcun segno di arrossamento.

La tecnologia OptiBlade, con cui è stata progettata e realizzata la lamina della testina, ha una geometria con fori ergonomici in grado di catturare qualsiasi tipo di pelo, anche quelli più lunghi che sono rimossi da tre lamine che lavorano in contemporanea per garantire una rasatura più accurata e profonda.

Il rasoio è Wet & Dry, ovvero impermeabile al 100% e si può utilizzare anche sotto la doccia: il rivestimento in gomma garantisce un’impugnatura perfetta e antiscivolo e la testina si può lavare anche sotto il rubinetto in maniera semplice e veloce.

Il rasoio ha un’autonomia di circa quaranta minuti, grazie alla batteria a ioni di litio e un tempo di ricarica di un’ora, in media con gli altri rasoi Braun, inoltre, è possibile radersi completamente dopo una ricarica di appena cinque minuti, caratteristica ormai comune ai rasoi Braun di ultima generazione.

Tra le pecche trascurabili del rasoio troviamo la mancanza di una base di supporto per il rasoio in fase di carica della batteria e l’impugnatura di gomma che cattura i peli che sono poi difficili da rimuovere perché rimangono attaccati, come se fossero carichi elettrostaticamente, quindi occorre maggiore forza per spazzolarli ed eliminarli del tutto dalla superficie. Inoltre sarebbe stata molto gradita una custodia da viaggio per trasportare il rasoio in vacanza senza doversi preoccupare di eventuali urti.

I punti di forza del WaterFlex sono, per concludere, la maneggevolezza, l’impermeabilità, la durata della batteria, la potenza di taglio, l’assenza di arrossamenti o irritazioni della pelle durante e dopo la rasatura e, per finire, il rifinitore di precisione, leggermente più largo rispetto a tutti i rasoi elettrici che ho provato fino ad ora e in grado di garantire un taglio più preciso e netto.

Consiglio a tutti di provare questo rasoio, poiché sono rimasto piacevolmente impressionato dall’ottimo rapporto qualità prezzo, è adatto a tutti e potete tranquillamente contattarmi per avere gratuitamente un buono sconto per un eventuale acquisto sul sito Braun.

 

Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
Rasoio elettrico Braun WaterFlex
6 novembre 2014 4 06 /11 /novembre /2014 09:59

Grazie a Trnd ho avuto la possibilità di provare le nuove quattro varianti del cioccolato Loacker e di farlo assaggiare a parenti, amici, colleghi e conoscenti per conoscere il loro parere e le loro impressioni.

Ho ricevuto un pacco con una serie di tavolette di cioccolato formate da una fragrante cialdina nel mezzo, una crema golosa e un cioccolato finissimo e delizioso nelle versioni: White, Milk, Cremkakao e Dark-Noir.

La Loacker S.p.A. è un'azienda made in Italy fondata nel 1925 a Bolzano dall'omonima famiglia che produce wafer e specialità al cioccolato esportate in tutto il mondo, il cui logo principale è lo Sciliar, un monte dell'Alto Adige.

Come riportato nel progetto Trnd, si tratta di "una bontà... divina!" in cui "la forma della tavoletta non è stata scelta a caso: infatti, ispirandosi al logo con lo Sciliar presente nel marchio Loacker, ogni singolo modulo e la tavoletta stessa corrispondono alla proporzione aurea (detta anche proporzione divina) ".

Caratteristica unica e inconfondibile dei prodotti Loacker è la qualità degli ingredienti, selezionati accuratamente, tra cui le nocciole di produzione italiana, le bacche intere di vaniglia naturale coltivate nelle isole Bourbon, il latte genuino e di alta qualità, le migliori miscele di cacao puro e il burro di cacao, senza grassi idrogenati o vegetali aggiunti.

Il nome Loacker non è solo sinonimo all’alta qualità dei prodotti, ma anche alla responsabilità nei confronti dell’uomo e della natura. Ci impegniamo quindi sempre per la sostenibilità e il fair trade di tutte le nostre materie prime.

Ho fatto provare le quattro versioni di cioccolato Loacker a familiari, parenti, amici, colleghi, vicini di casa e conoscenti e tutti coloro cui piace il cioccolato in generale hanno apprezzato e gradito quest'assoluta novità e in particolare il gusto del cioccolato che si scioglie in bocca, lasciando un gusto piacevole e armonioso.

I primi ad aver assaggiato il cioccolato sono stati i miei due nipoti di un anno e quattro anni e mezzo che si sono tuffati e hanno divorato una tavoletta da 87 grammi nel giro di pochi minuti, sporcandosi tutto il viso, ma con un sorriso sempre stampato in faccia.

Anche i più scrupolosi, quelli che trovano la pecca in ogni prodotto, sono rimasti assolutamente impressionati dal tipo di ingredienti utilizzati dalla Loacker e dalla bontà del cioccolato, dal gusto intenso e in grado di soddisfare tutti i palati, dai più piccoli ai più grandi.

In definitiva vi consiglio di provare queste quattro nuove versioni del cioccolato Loacker, sono irresistibili, una vera goduria per il palato e non ne potrete più fare a meno.

Foto Loacker
Foto Loacker
Foto Loacker
Foto Loacker
Foto Loacker
Foto Loacker

Foto Loacker

23 settembre 2014 2 23 /09 /settembre /2014 07:41
cactus
cactus

Anche quest’anno, da ormai cinque a questa parte, sono stato a far visita con due amici appassionati di cactus, da un noto collezionista e coltivatore di cactus, il sicilianissimo Ignazio Blando.

Per chi è appassionato di cactus e ancora non lo conosce, Ignazio coltiva piante da svariati decenni ed è specializzato in ariocarpus e copiapoe, piante a crescita lenta e di estrema bellezza, ma nella sua collezione si trovano tantissime varietà di cactus, dai più comuni a quelli più ricercati come aztekium, strombocactus, encephalocarpus, ferobergie e una vasta collezione di astrophytum selezionati e ibridi.

Fino ad non ora sembrerebbe nulla di speciale, ma basta dare un rapido sguardo a qualche foto delle sue piante per capire che si tratta di un collezionista di alti livelli, sia per la quantità e la dimensione di alcune piante (possiede copiapoe e ariocarpus di oltre trent’anni di vita), sia per l’aspetto esteriore delle piante, coltivate in condizioni a volte “estreme”, con piante dall’aspetto vissuto e trattate come vere e proprie piante cresciute in habitat.

Difatti, le piante sono caratterizzate da una spinatura forte e fitta, da un corpo coriaceo, compatto, frutto di giornate intere sotto il sole cocente siciliano, filtrato solo da una rete a maglie larghe nera e tutti cactus nati rigorosamente da seme, la maggior parte delle quali con dati di località da cui sono stati prelevati i semi (il famoso field number).

La bellezza delle piante di Ignazio, a parte l’aspetto esteriore che le caratterizza è che, dopo averle travasate, hanno una crescita impressionante e si adattano facilmente ai nostri numerosi errori perché molto resistenti, anche se è consigliato non esagerare con le irrigazioni per evitare inaspettate spaccature dovute all’eccesso di acqua a cui le piante non sono abituate.

Potrei stare ore e ore a parlare delle piante di Ignazio, ma anche della sua esperienza, cultura, generosità e nella sua capacità di spiegare tecniche, segreti e trucchetti (elargiti senza problemi come pochi altri esperti e appassionati che ho conosciuto) per far crescere le nostre piante del migliore dei modi, ma non trattandosi di una bella donna, preferisco rivolgere la vostra attenzione al suo nuovo sito, online da pochi mesi.

Si tratta del sito per la vendita per corrispondenza di cactus e succulente chiamato Big- Cactus in cui è possibile visionare e acquistare le sue piante, tutte catalogate e suddivise, con una foto della pianta in vendita ed eventuali numeri di campo, dimensioni (escluse le spine) e prezzo.

Il sito è molto semplice da navigare e intuitivo, dinamico e in continuo aggiornamento, con l’aggiunta di piante e nuove specie disponibili e con un ordine minimo di 25 euro è possibile ricevere le piante a radice nuda o, se possibile, già invasate.

Una cosa importante da sottolineare è che l’azienda è in possesso di certificazione C.I.T.E.S. che garantisce a livello internazionale il commercio sostenibile e la conservazione della biodiversità del nostro pianeta.

Non vi resta che dare uno sguardo al sito ed eventualmente chiedere maggiori informazioni attraverso numero di cellulare, email, Facebook, Skype o Whatsapp, tutti dati che troverete direttamente sul sito, nella sezione Contatti.

copiapoe, echinocactus etc
copiapoe, echinocactus etc
copiapoe, echinocactus etc
copiapoe, echinocactus etc
copiapoe, echinocactus etc

copiapoe, echinocactus etc

12 settembre 2014 5 12 /09 /settembre /2014 07:37

Su internet sempre più spesso si cercano consigli per gli acquisti ed esistono tantissime community di consumatori che si divertono ad esprimere le proprie opinioni su prodotti e servizi molto importanti, condividendo esperienze, test, e informazioni circa il loro utilizzo. 

Una tra le più grandi e famose community di consumatori in Italia in rete è ZZUB, che nasce nel 2008 e vanta più di 40.000 iscritti attivi che prendono il simpatico nome di zzuber.

Gli zzubber partecipano a test di prodotti e servizi e danno i propri pareri e feedback alle aziende attraverso la compilazione di report e di questionari sui prodotti/servizi che hanno provato direttamente a casa propria o in rete.

Ogni zzuber, dopo aver testato accuratamente il prodotto ha il compito di svolgere numerose azioni per pubblicizzarlo attraverso il passaparola online, condividendo sul proprio blog, su forum e social network la propria esperienza, ma anche condividendo le proprie esperienze di utilizzo ad amici, parenti e conoscenti.

Nulla di più semplice, difatti, ogni quavolta acquistiamo un nuovo prodotto in negozio, dopo averlo utilizzato è spontaneo condividere le proprie opinioni con chi ci circonda, per promuovere o sconsigliarne l'acquisto.

La stessa cosa vale per ogni zzuber, ma in più ogni utente deve condividere anche online il proprio parere attraverso i numerosi social network quali Facebook, Twitter, Instgram e così via.

Tra le altre azioni di uno zzuber troviamo la partecipazione a progetti di storytelling collettivo, raccontando storie su piattaforme dedicate e partecipando a ricerche sociali attraverso la compilazione di questionari e il sostegno ad associazioni no profit con le loro azioni online.

ZZUB è un’idea di Eikon Strategic Consulting, società che riunisce psicologi sociali, antropologi, consulenti strategici, comunicatori, esperti del Web 2.0.

Il team di ZZUB verifica costantemente la condotta etica della Community, per evitare comportamenti ed azioni che non rispettino le linee guida WOMMI per un’attività di passaparola vera e onesta.

"SEI UN CONSUMATORE? ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMUNITY!"

Clicca qui per iscriverti e diventare uno zzubber, oppure copia il link seguente sul tuo browser, non te ne pentirai.

https://beta.zzub.it/registration?invite=NDk2OTk1Mzk5YzExMjc3NGVhMzMxMmUwMDAwMjE%3D

 

community zzub
community zzub

community zzub

Published by Rosario (ilrepungente) - in community
scrivi un commento
13 maggio 2014 2 13 /05 /maggio /2014 09:18

 

caramelle monksLe caramelle le ho sempre adorate, sia alla frutta che alla menta, ma anche balsamiche, alla liquirizia, alle erbe, al caffè,  al cioccolato, ripiene, senza zucchero e in tutte le tipologie: dalle gelatine alle morbide, dalle dure a quelle molto dure.

Le ho sempre portate con me e non devono mai mancare nel cruscotto dell’auto e in giro per la casa.

Quando vado nei supermercati o nei centri commerciali mi diverto sempre ad osservare nelle casse della spesa le varie confezioni, le marche e i tipi di caramelle esposti che più attraggono e catturano la mia attenzione, stando sempre alla ricerca di novità e gusti da provare.

 

caramella monksGrazie a una collaborazione con la Akellas (azienda made in Italy che dal 1954 produce le famose caramelle balsamiche Monk’s), ho finalmente avuto il piacere di provare le loro caramelle e sono rimasto sorprendentemente soddisfatto della vasta quantità e qualità di caramelle presenti in commercio.

Sul sito internet della Monks è possibile accedere alle informazioni dell’azienda, soddisfare le proprie curiosità e visionare tutta la serie di caramelle proposte dall’azienda, con le linee “buste”, “da banco” e “sfuse” con innumerevoli tipologie di caramelle per soddisfare tutti i tipi di palato: balsamiche, al miele, menta e liquirizia, con miele e limone, al propoli, light, sugar free, geleè e molte altre.


Le caramelle che ho ricevuto sono realizzate con prodotti di altissima qualità, con ingredienti naturali e sono ideali per prevenire e aiutare a curare la tosse, il mal di gola, per liberare il naso e i raffreddori in generale.



caramelle monks defend

 

caramelle monks defend

 

caramelle balsamiche monks defend+

 

La linea Defend+ è costituita da tre gusti differenti: con estratti di pino silvestre, con miele e limone e con propoli e ogni confezione contiene dodici caramelle incartate e confezionate dentro una busta di piccole dimensioni, facilmente trasportabile in borsa o nel marsupio.

 

Tra le altre caramelle ricevute c’è la Balsamica del monaco Dual Action, una caramella ripiena di sciroppo balsamico con l’aggiunta di vitamina C, in grado di dare sollievo a naso e gola, grazie all’alta azione balsamica, la Classica, realizzate con una miscela di erbe benefiche e la cui preparazione mantiene intatte le proprietà del mentolo e dell’eucaliptolo e per finire le Extreme, senza zucchero e dall’alto potere dissetante, grazie al limone contenuto nelle caramelle, per un’esperienza balsamica sorprendente.

caramelle monks dual action

 

caramelle monks classica

 

caramelle monks extreme

 

In famiglia e tra gli amici le caramelle sono state apprezzate parecchio, in particolar modo al mio nipote di quattro anni che non sta mai fermo, suda parecchio ed è spesso soggetto a tosse e ha molto gradito le caramelle al miele e limone, nonostante la presenza del mentolo che non ama particolarmente.

In definitiva sono rimasto estremamente soddisfatto di questa collaborazione e delle caramelle del monaco (ancora oggi preparate secondo la tradizione dell’antica ricetta del leggendario frate Williams) e consiglio a tutti di provare la bontà e la genuinità di un prodotto dal gusto intenso, che unisce i benefici del balsamico con il vantaggio di avere una bocca sempre fresca.

L’importante è consumare le caramelle con moderazione e non abusare, sia per quanto riguarda i grandi sia per i bambini, per evitare spiacevoli effetti collaterali, lassativi o altro.

La Akellas s.r.l si trovca a Cerro Maggiore (Mi) in Via Delle Arnasche, 15 ed è presente anche su Facebook con numerose informazioni, foto, giochi, ricette, eventi e altre interessanti curiosità e novità.

Published by Rosario (ilrepungente) - in Aziende
scrivi un commento
24 febbraio 2014 1 24 /02 /febbraio /2014 08:37

bacche di goji Ultimamente, su internet, ma anche sui mass media in generale, si sente parlare sempre più spesso delle bacche di Goji, conosciute anche come “frutti della longevità” per il loro altissimo potere antiossidante (in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi) e perché sono in grado di rafforzare il sistema immunitario.

Sembra la solita bufala, di quelle che circolano su internet per vendere questo o qualche altro prodotto, ma in realtà la letteratura medica cinese e la tecnologia moderna che ne studia e riesce a provarne il valore scientifico, confermano che si tratta di un frutto portentoso.

Ho conosciuto le bacche di Goji lo scorso anno e l’ho voluto provare, incuriosito dai suoi benefici tanto decantati e devo ammettere che lo scetticismo iniziale è presto svanito ta
nto da rimanere soddisfatto e cercare sul web qualche offerta interessante e vantaggiosa per affrontare nel migliore dei modi questo pazzo inverno.

Ho trovato le bacche di Goji su Groupalia nella sezione Sconti e shopping e l’ho trovata la migliore offerta sul web, sia come prezzo sia come quantità di bacche proposte.

bacche di gojiInfatti, sul sito è stato possibile scegliere tra 250 grammi, mezzo chilo e un chilo di bacche e ho scelto la confezione da 500 grammi, il cui pacco è stato spedito in breve tempo, ben confezionato e il cui contenuto era suddiviso in due buste da 250 grammi ciascuno.

Scendendo nel particolare, le bacche che ho ricevuto sono certificate biologiche, provengono dalla Cina e in particolare coltivate nella zona dal Tibet (in particolare sono della varietà Lycium barbarum), sono essiccate naturalmente al sole, senza subire nessun altro processo particolare che ne altera il contenuto.

bacche di goji Tra i numerosi effetti benefici che producono con un’assunzione di uno o due cucchiai di bacche al giorno troviamo un’elevata capacità nutrizionale con un bassissimo contenuto glicemico, con principi nutrizionali che ne favoriscono l’equilibrio glicemico e il controllo del peso corporeo, grazie alle loro capacità di contrastare l’accumulo di grasso.

Altri benefici si hanno grazie alla presenza nelle bacche dello zinco che favorisce ottimi livelli di testosterone, dei carotenoidi che migliorano e preservano la vista, delle molecole antiossidanti che contrastano i radicali liberi che causano l’invecchiamento dei tessuti e dei Sali minerali e vitamine in esso contenute.

I vantaggi che sono riuscito a percepire durante un’assunzione costante nel tempo sono stati diversi, tra cui un maggiore aumento di energia, riducendo il senso di stanchezza, un miglioramento del sonno, della memoria e del sistema immunitario.

bacche di gojiLe bacche hanno un sapore gradevole, assomigliano vagamente ai fichi secchi; si possono assumere crude, reidratate in un grande bicchiere di acqua fredda o calda, mescolate allo yogurt e con i cereali o il muesli oppure frullate con altra frutta, da gustare a colazione, a merenda o in un qualsiasi momento della giornata.

Visti i numerosi vantaggi che si hanno assumendo quotidianamente la frutta secca, ho ben pensato di preparare una specie di croccantino con la frutta secca (noci, nocciole, arachidi e sesamo) che ho trovato nel mercato e con l’aggiunta delle bacche di Goji.

sesamoLa realizzazione è abbastanza semplice e non richiede grandi doti culinarie.

Infatti, basta acquistare la frutta secca, triturala leggermente, aggiungere le bacche e mescolare il composto con zucchero e miele precedentemente riscaldato in un pentolino sul fuoco.

 

bacche di goji

Spalmando il composto ottenuto su una lastra di marmo, lasciare raffreddare, tagliare a tocchetti e avvolgere nella carta stagnola o nella pellicola, conservando in un luogo fresco e asciutto; prima di consumare il croccantino si può riscaldare per pochi secondi sul microonde per far sciogliere il miele e il risultato è notevole.

In definitiva sono molto soddisfatto dell’acquisto, tutto impeccabilee inoltre se con delle squisite bacche si può aiutare il proprio organismo e il benessere fisico in modo naturale e sicuro, perché non approfittarne? 

croccantino con bacche di goji

Published by Rosario (ilrepungente) - in Salute e benessere
scrivi un commento
23 gennaio 2014 4 23 /01 /gennaio /2014 08:54

formato PDFCol passare degli anni, il formato PDF (Portable Document Format) è divenuto lo standard per la creazione, la distribuzione e lo scambio sicuro e affidabile di documenti.

Tali documenti danno la possibilità a tutti di essere visualizzati su qualsiasi computer (Windows, Mac, Linux etc.) e sui telefonini smartphone, indipendentemente dal sistema operativo installato e, grazie alle numerose opzioni, ciascun file creato  si può rendere sicuro per evitare di farlo stampare o modificare per usi impropri.

Pdf Creator

 

Per creare un documento in PDF senza acquistare alcun tipo di software è possibile seguire diverse strade; la prima è sfruttare l'eventuale pacchetto Office installato sul proprio computer che, a partire dalla versione 2007, prevede il salvataggio del documento direttamente in PDF.

In assenza di Office è possibile scaricare gratuitamente e senza alcun costo, l'ultima versione di Open Office dal sito www.openoffice.org, creare il documento (è possibile creare sia documenti di videoscrittura, sia fogli di calcolo) ed esportarlo in formato PDF, cliccando su File, "Esporta nel formato PDF".

open officeNella finestra che si aprirà è possibile personalizzare il tipo di esportazione, scegliendo l'intervallo da esportare (tutto il testo, alcune pagine o una selezione), il tipo di compressione delle eventuali immagini, l'interfaccia utente, la sicurezza del documento e molto altro.


Per i meno esperti conviene lasciare le impostazioni predefinite e cliccare sul pulsante "Esporta" per ottenere il documento in formato PDF.

Chi dispone già di un pacchetto Office e necessita solo di un programmino che converte i file creati in PDF, può scaricare, sempre gratuitamente da internet, un software che emula una stampante virtuale che trasforma i file di testo o dei fogli di lavoro in un documento PDF con poche e semplici istruzioni.


pdf convertito da wordTra i tanti software in circolazione, troviamo PDF995, scaricabile dal sito internet www.pdf995.com, di facile installazione e non richiede grandi esperienze informatiche per l'utilizzo, basta seguire le poche e semplici istruzioni che si trovano direttamente sul sito.

Per utilizzare questo software basta creare il file e al termine stamparlo, selezionando la stampante virtuale che ha creato in automatico il software; al momento della stampa si aprirà la pagina web del sito del programma che si potrà chiudere e una finestra windows che chiede di inserire il nome del file e il percorso in cui si vuole salvarle il documento.

 

Tra gli altri software gratuiti che stampano in PDF troviamo PDF24, PDFCreator e molti altri, che funzionano tutti con lo stesso sistema e che si trovano in versione "a costo zero" o a pagamento, con opzioni e strumenti per uso professionale, tutti ugualmente efficienti.

E' consigliato scaricare sempre software dai siti ufficiali per evitare truffe, virus o mailware fastidiosi e che potrebbero creare seri problemi nell'utilizzo del computer.

Published by Rosario (ilrepungente) - in Informatica e comunicazioni
scrivi un commento
13 gennaio 2014 1 13 /01 /gennaio /2014 09:40

Costa corsara a Isola delle FemmineFinite le feste natalizie con una grande abbuffata di carne, dolci e panettoni vari, la voglia di cambiare, almeno per una sola serata, e mangiare una buona cena a base di pesce era tanta e per fortuna la mia terra, la Sicilia, offre numerose opportunità per soddisfare questo tipo di desideri.

Non sono un frequentatore assiduo di ristoranti in cui si mangia anche a base di pesce, per cui, completamente soddisfatto degli ultimi acquisti sul sito web Groupalia, ho dato un'occhiata alla ricerca di qualcosa di economico, ma di qualità.

Sul sito, nella sezione "Ristoranti" ho trovato proprio quello che faceva per me, Costa Corsara, un ristorante - pizzeria situato nell'incantevole scenario di Isola delle Femmine, situato in Viale Marino al numero ventinove, ad una ventina di chilometri da casa mia e altrettanti chilometri da Palermo.


 

Ristorante Costa Corsara

Sono stato catturato, oltre dal prezzo (ho usufruito di uno sconto del sessantacinque percento del prezzo intero) e dalla vicinanza dal mio paese, anche da un menù pesce per due persone molto ricco e invitante, con un cocktail di benvenuto, un antipasto misto, un primo, un secondo e un contorno, con acqua e un calice di vino a persona e con la possibilità di scelta tra un caffè e un amaro.


 

Per la prenotazione di un tavolo per il sabato sera ho chiamato al locale e mi è stato detto di compilare il modulo che si trova sul sito ufficiale del ristorante e non ho avuto nessun problema al mio arrivo, ad eccezione delle indicazioni stradali che mi hanno dato che sono state molto confusionarie e approssimative.

Costa Corsara antipasti

Raggiungere il ristorante è stato semplicissimo (grazie solo a una rapida ricerca sulle mappe che si trovano gratuitamente su internet), l'ingresso non è molto appariscente, ma una volta dentro è come sentirsi in un luogo accogliente e familiare, con tre grandi sale dedicate rispettivamente alla pizzeria, al ristorante e alla sala ricevimenti, tutte e tre arredate in maniera elegante e calorosa.


Costa Corsara Zuppa cozze

Accomodati al tavolo, siamo stati accolti da un cocktail di benvenuto a base di spumante, molto gradevole e da un antipasto misto a persona composto da un'insalata di mare a base di polpo, una fetta di pesce spada e di salmone affumicato e da una deliziosa zuppa di cozze con crostini, molto apprezzata e saporita.

Anche il servizio ai tavoli è stato eccellente e impeccabile, con personale molto cortese e attento alle richieste degli avventori e con il sorriso sempre sulla bocca.

Terminati gli antipasti (che già da soli riescono a saziare), abbiamo optato per due primi differenti e in particolare per gli spaghetti alla tarantina con cozze e al risotto alla marinara, entrambi squisiti e con piatti abbondanti e ricchi di pesce e crostacei.

costa corsara Spaghetti alla tarantina Costa Corsara risotto alla marinara

Dopo una breve pausa, sono arrivati i secondi piatti, scegliendo la frittura mista e il pesce spada arrosto, accompagnati da un'insalata di verdure miste ben condita.

Costa Corsara frittura mista Costa Corsara pesce spada arrostito

Anche in questo caso abbiamo potuto apprezzare la freschezza del pesce, l'abile maestria nel saperlo cucinare e i condimenti e gli aromi che hanno esaltato i vari sapori, rendendo i piatti delicati e appetitosi.

Il calice di vino bianco (di provenienza da una delle famose e prestigiose cantine locali siciliane) ha contribuito ad accompagnare tutti i piatti in maniera eccellente e l'amaro, a fine serata, è riuscito ad attenuare quel senso di sazietà straripante.

In definitiva è stata un'ottima esperienza, ho soddisfatto pienamente tutti i miei desideri e le voglie di pesce fresco e mi sono ritrovato in un ambiente accogliente e rilassante, per cui consiglio assolutamente a tutti di fare una visitina a questo ristorante.

 

Published by Rosario (ilrepungente) - in Cucina e ricette
scrivi un commento
10 dicembre 2013 2 10 /12 /dicembre /2013 10:35

Sterminata metà ala parlamentare da una termocoperta pagata con denaro pubblico versato quotidianamente dai cittadini italiani che si è incendiata causando la morte immediata dei politici…

incendio parlamentari.jpgQuesta notizia, se fosse vera, attirerebbe di certo l’attenzione di milioni di italiani perché si parla di politica (tema ormai “caro” a tutti), di strage e della coperta elettrica, questo mostro infernale che ogni anno miete milio... no, miglia… ma che dico, centi... insomma, che scalda da oltre trent’anni le mie gelide coperte invernali.

lancalor coprimaterassoTutta questa ironia per sottolineare che, ogni volta che parlo con qualcuno di Scaldasonno o di coperta elettrica, mi guardano con aria diffidente e mi dicono sempre che preferiscono dormire al freddo piuttosto che rischiare di morire incendiati.

Miti e leggende si aggirano attorno alle termocoperte, ma la cosa che posso dire con assoluta certezza è che da più di trent’anni le utilizzo sotto forma di scaldasonno o di vera e propria coperta elettrica e non ho avuto mai un problema, solo benefici.

 


calze lana.jpgSu internet e su Facebook in particolare vedo amici e conoscenti che tirano dagli armadi assurde calze a maglia della nonna, pigiamoni felpati, berretti di lana, antiestetiche calze di spugna sopra i pantaloni del pigiama e chi più ne ha più ne metta pur di non “rischiare” di morire incendiati.

Peccato solo che gli incidenti causati dalle coperte elettriche derivino da un uso improprio della stessa e i possibili rischi si corrono quando:


1) la coperta non è certificata, non è testata regolarmente e non possiede i requisiti di sicurezza imposti dalla legge e previsti dalla regolamentazione europea;

2) il prodotto è ormai vecchio, con cavi rotti o sfilacciati che possono causare cortocircuiti;

3)si sovrappongono molte coperte su quella elettrica in funzione e si crea un eccessivo accumulo di calore;

4) la coperta elettrica è bagnata;

5) la coperta ha oltre dieci anni di vita.


coperta elettricaHo provato negli anni sia la coperta elettrica sia lo scaldasonno e le differenze sono notevoli; la prima si mette sopra il lenzuolo e ricopre l’intero letto, mentre il secondo si mette sopra il materasso e l’ho trovato molto scomodo perché non scalda l’intero letto e lo spessore sotto la schiena potrebbe dare fastidio.

Entrambe le coperte hanno un termostato regolabile a due livelli di potenza, con un termostato che stacca l’erogazione di corrente quando si raggiunge una determinata temperatura e il consumo elettrico è molto ridotto.


scaldalettoLo scaldasonno basta accenderlo un’ora prima per trovare il letto già caldo, la coperta anche mezz’ora prima di andare a letto, raggiungendo più in fretta il giusto tepore per il corpo; l’importante è ricordarsi sempre di staccare la coperta poco prima di infilarsi sotto le coperte, soprattutto nel caso di persone anziane o con il sonno profondo, per evitare fastidiose sudate in pieno inverno e sotto le coperte.

Dopo decenni di utilizzo della coperta elettrica ho dovuto sostituirla e ho riscontrato seri problemi per trovarne un’altra uguale o anche di marchi differenti e l’alternativa è stata lo scaldasonno; quest’anno, dopo una più accurata ricerca su internet, mi sono imbattuto in un’azienda italiana che dal 1955 produce coperte utilizzando le migliori lane merinos e resistenze certificate in Italia per garantire una massima sicurezza dei prodotti.


Lancalor

Si tratta della Lancalor che, nata nei primi anni del novecento come copertificio, dal 1955 ha prodotto una nuova forma di benessere per gli italiani, la coperta elettrica e vanta una vasta gamma di prodotti innovativi e di qualità a prezzi imbattibili.

Tra i vari prodotti dell’azienda troviamo, oltre all’elettrocoperta, lo scaldasonno, la coperta di comunità, la coperta ignifuga e il plaid da letto in mohair con varie misure e personalizzabili; tutti i prodotti sono garantiti e nel caso mio la coperta elettrica è garantita per ben cinque anni.

 

PS: non collaboro con l’azienda, ma trattandosi di Made in Italy, perché non promuoverla?

Published by Rosario (ilrepungente) - in Salute e benessere
scrivi un commento